65° ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DEL MSI

Travolti dalle notizie sui fasti” dubbi del neonato Governo Tremonti, solo All’ultimo ci siamo ricordati che il ventisei dicembre era l’anniversario (il 65°) della fondazione del MSI, il più grande e longevo partito di Destra, in Europa, dalla fine della II Guerra Mondiale. Un autentico punto di riferimento per decine e decine di partiti e movimenti “cugini”, di minor successo, in Spagna, in Francia, in Belgio, in Germania, in Inghilterra, in Svezia, in Portogallo e perfino in America Latina. Il MSI nacque, dunque, simbolicamente in Roma nello studio del rag. Arturo Michelini, già vice-federale del PNF nell’Urbe. Abbiamo detto “simbolicamente” perché quell’atto semi-clandestino e privo di qualunque “pompa” fu la conclusione, quel 1946, di un lungo periodo di frazionamento e non coordinamento che aveva visto il fiorire e l’agitarsi di decine e decine di gruppi volontaristici nati, quasi sempre su basi locali, tra l’estate del ’43 e quella del ’46 e molto spesso attorno ad un foglio prevalentemente avviato da uomini , combattenti e giornalisti per lo più, provenienti dalla Rsi, prima e dopo la famosa Amnistia di Togliatti che aveva permesso a molti fascisti ricercati di tornare alla luce del sole in un’Italia devastata dalle bombe e dall’odio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*