Download! EcosiciliaLeggi Ecosicilia in PDF

“A Palma”…tra tedeschi e bombe!

Ai primi di giugno u “zu Pietrino” pigghiò a tutta a so famigghia, i parenti cchiu stritti, cucini di secunnu e terzu gradu e si trasferirono nella casuzza della palma. A casuzza era granni ed era in mezzo alle nespole e i limioni. U “zu Pitrinu” l’aveva in gabella, u patruni, u dutturi, stava a Palermo. Si ci arrivava dalla trazzera della “Marunnuzza”, dopo ca si passava il ponte, sulla nazionale, dove c’erano i tedeschi con la mitragliatrice antiarea. Erano tutti biunni e alti, tutti beddi figghi! Tinti, ma beddi figghi! Stavano accampati alle scuole e scinnevano a mmari in plotoni, tutti ordinati cantando “lili marlen”, per la via mari. Dalla “palma” c’era una bella vista: il “chiano di mare” con la torre, tutto verde, la curva con il camposanto fatto da poco chi piccioli mandati dal fascio, in fondo al mare, azzurro, con le quattro case d’Aspra e a montagna ri Mongerbinu. Le case di Ficarazzi si vedevano i tetti, e dalla palma per poco quelle della “scinnutella”. Non c’era ne luce elettrica, ne acqua pi viviri. Per la luci ci pinsavanu cannili e lumi a petrolio, u “zu Pitrinu” n’aveva quattro, per abbeverare di notti, pi l’acqua pi viviri i picciotti m’paivanu il carretto allo scecco e andavano a riempiri n’capu a funtana, vicino o castello. U sceccu era un cinematografo, ogni volta ca s’impaiava pi scinniri o paisi m’puntava i zoccoli n’terra e non si catamiava più mancu chi cannunati, i picciotti ci davanu vastuniati e zuttati, iddu sparava cavuci. Pi lavari non c’era problema, vicinu a casuzza, c’era un pozzo d’acqua per abbivirari, si riempivano quartari, quartarelle, bummuli, caticeddi e l’acqua per casa non mancava mai. C’era la guerra, c’era pitittu, ma la pignata a sira si metteva sempri e doppu cu tutta quella cumarca era una festa. Una bella sira, doppu manciatu, si sentì un rumuri d’aeroplani. Tutti nisceru fora a taliari u cielu, era scuru scuru, ma chinu di stelle. Ri luntanu arrivava il suono dell’allarme aereo, le sirene suonavano a Palermo, al porto, dove sganciavano le bombe gli aerei ri n’grisi e ri miricani. Era scuru e gli aerei non si vedevano, ma a lampu ci fu na truniata, cominciarono a sparare le mitragliatrici dell’antiaerea del ponte e anche quelle a nido d’uccello che erano piazzate sulla montagnola dei lannari. Bombardamento, colonne di fumo, fuoco. Na picca ri bombe calarono nel ciume, altre vicino al camposanto, qualcuna vicino a

casuzza ru “zu n’Tonio u Porcu” a palma e fu scansata, pi furtuna! Ci fu tanto scantu, a “za Ninuzza” trimava, a “za Teresa” cu rusario pregava, i picciriddi chiancevanu, i cani abbaivanu, u sceccu arragghiava e c’era scuru, tantu scuru. – “Silenziu, stati muti, un’addumati mancu un cirinu, ca cca ci sparanu ri supra” – “Mizzica, bellu affari ficimu, scappamu ri Ficarazzi pi scansari i bummi e cca semu tra u riavulu e u focu! Tedeschi al ponte, tedeschi ai lannari e i miricani ca sgancianu confetti ri supra! – Nella mattinata una processione passò il ponte tra le taliate arraggiate dei tedeschi. Erano ficarazzoti cu materassi e valigie supra i testi, parenti ru “zu Pitrinu” (a Ficarazzi erano, na vota, tutti parenti). Avevano deciso di ammucciarsi a palma, non sapevano ca a palma eranu sutta i bummi. Tutta a campagna attornu era china ri sfollati, puru genti venuta da Palermu. C’era cavuru epitittu, tutta la giornata passava senza fari nienti. Si taliava u cielu, a muntagnola, il mare era calmo, non si vedevano le palommelle. U “zu Pitrinu”, ca si sinteva picca, travagghiava chi so figghi, zappavanu, facevanu ligna, livavanu sancisuga, c’era cu mittieva u visschiu pi pigghiari i passeri. Di giorno c’era movimento, a pignata fumiava, si bollivano patate, fave, ma erano poche, e a truppa era assai…Di sira tutto si facia in taci macia, guai a chi ciatava, tutti rintra a casuzza, stritti, stinnicchiati n’terra e c’aricchi o pinninu. Si sentivano le pattuglie tedesche che acchianavano a dari il cancio a quelli della montagnola, vicino alla ferrovia, i loro stivali facevano rumori secchi e il luccichio delle sigarette era un puntino rosso nello scuro. Parravano piano, veloci, chissà chi cabbasisi si dicevano, ma anche loro erano stanchi di stare qua, a fare la guerra, ad assupparisi i bombardamenti quasi tutte le sere. L’estate passò veloce, tutti i picciriddi avevano i capelli tagliati a zero dallo sciccaru, u “zu Ciccio” con la pompa per arruciare le nespole ci spruzzò un medicinale che, a suo dire, doveva ammazzarli i pidocchi e i pulci, ma a quanto pare aveva preso a “pietra celeste”! Erano tutti scavusi, nivuri, i granni erano nirbusi, non avevanu mancu tabaccu pi naschi, barbazze longhe, dalle faccie bruciate ru suli. Le fimmine avevanu fattu un pò d’astrattu in una maidda e qualche bottiglia di salsa, bollivano pollanchelle, mangiavano milinciane a canazzu, e fritte grazie all’oli rubato da una borsa ai

tedeschi che dormivanu alla marunnuzza. In paese circolavano strane voci, i tedeschi stavano perdendo la guerra, Mussolini era scappato, ma unni? Verso la fine di settembre, in un pomeriggio dal cielo annigghiato, dal cavuru stufficusu, un rumore assordante strazzò l’assoluto silenzio e il cielo dalle parti di Bagheria si oscurò. Migliaia di aerei, tutti n’semmula, come uno stormo immenso d’acelli andava in direzione di Palermo. Dalle due postazioni antiaerei dei tedeschi, sotto la palma, uscirono fuori e mentre noi taliavamu tutti alloccuti quegli aerei che facevano un’unica ummira! Ci fu il finimondo, ma no alla palma! A Palermo, fecero danno, morti e feriti e chi botti arrivavanu, chi fumu, chi nivuru, chi lampi! In serata acchianò alla palma u dutturi, quello della gabella. Era scappatu da Palermu con la mogliere e i figli e in paese aveva cercato u “zu Pitrinu”. – “Ma come io scappo da Palermo per le bombe e voi state riparati tra il ponte e la montagnola con gli aerei che sganciano bombe?” – Disse u dutturi con quel suo italiano, pulito pulito, lui che aveva studiato e chi era allittiratu. “E caru dutturi, noi siamo stati graziati dalla Marunnuzza ru Ponti che priamo e Lei ci scansa tutto il male!” U dutturi tistiò, sorrise sotto i baffi e diede buone notizie a tutti. I tedeschi erano in ritirata, gli americani erano sbarcati dalle parti di Gela e stavano trasendo a Palermo, la guerra, qui da noi, stava per finire. Quella sera ci conzò la tavola, ci fu uno schiticchio, con quello che c’era, spuntò un quartarolo di vino buono, russu, Ninuzzo sonò la fisarmonica, ci fu sbrio, qualche picciotto pigghiò qualche timpulata, u sceccu arragghiava picchì aveva pitittu, ca scusa ri bummi aveva che non ci davanu quattru iorna, ci fu qualche zitaggio, qualche ballettu, quacchi vasata e la festa fici agghiurnari. Ancora pi pocu restarunu alla palma, poi adagiu adagiu si rientrò a casa, nica, cu cantaru e u ritrè ma sempre casa è.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*