Al buio la Chiesa Madonna della Sicilia dopo un esposto anonimo

La Chiesa Madonna della Sicilia è stata riaperta al culto grazie al lavoro instancabile di molti volontari che dopo l’atto di concessione dal Comune alla Parrocchia di Sant’Atanasio dell’immobile si sono dati da fare per il recupero.

La prima cosa che Padre La Sala ha fatto è giustamente chiedere l’attivazione del contatore dell’energia elettrica nella Chiesa e dopo molti mesi ancora nessun intervento degli operatori. La Chiesa era al buio. Allora la Famiglia Lo Cascio era disposta a concedere in prestito un generatore di corrente e di pagare il gasolio necessario al suo funzionamento.

La Famiglia Lo Cascio gestisce il Lido Crocicchia che si trova di fronte la Chiesa della Madonna della Sicilia. Allora hanno pensato bene di aumentare la potenza del proprio contatore a suon di soldoni e di passare un filo che collegasse il Lido alla Chiesa ed alla fine LUCE fu!

Sono passati, forse, due mesi ma quando i volontari della Chiesa hanno pubblicato su tutti i social i ringraziamenti alla famiglia Lo Cascio per la generosa donazione e molti hanno saputo che grazie a loro la Chiesa aveva LUCE a qualcuno sarà partito l’embolo dell’invidia.

La pubblicità gratuita alla famiglia Lo Cascio ha disturbato qualche mente eccelsa del nostro panorama culturale che ha ben pensato di fare un esposto, ovviamente anonimo, per segnalare all’Enel del cavo e della fornitura di energia elettrica.

Precisiamo che la famiglia LO CASCIO ha pagato sia l’aumento di potenza del contatore sia l’energia servita ad alimentare la Chiesa. Quindi alla fine sono stati rimproverati dai tecnici perchè probabilmente il cavo lungo era pericoloso.

All’anonima penna che ha scritto l’esposto pensando solo a denigrare è rimasto il cerino spento tra le mani. Il risultato è che la chiesa ritorna al buio e un atto d’amore della famiglia Lo Cascio che non voleva nessuna pubblicità ma vedere la chiesa riaperta e piena di luce ha fatto passare notti insonni a qualcuno che non ama il paese ma che probabilmente lo usa solo per apparire o guadagnare.

Ringrazio con il cuore in mano tutta la FAMIGLIA LO CASCIO che aveva dato la possibilità ai volontari di accendere una CHIESA. L’invidia e la gelosia di molti che si credono santi, ma sono solo poveri illusi rimane vana con il tempo. Se non fosse stato per i pubblici ringraziamenti dei volontari alla FAMIGLIA LO CASCIO probabilmente la CHIESA avrebbe ancora la sua luce.

Ora non rimane che aspettare che mettano il contatore dell’energia elettrica tanto atteso negli ultimi mesi e quando ci sarà bisogno si utilizzerà il generatore di energia a gasolio. E speriamo che l’ignoto segnalatore possa essersi pentito, ma abbiamo qualche dubbio, di quello che ha fatto oppure, se pensava che dietro si celasse qualche truffa, di metterci la firma e, soprattutto, la faccia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*