Download! EcosiciliaLeggi Ecosicilia in PDF

Ancora sconfitta per Ficarazzi ….giù in classifica!

.

Volley Città di Ficarazzi – Don Luigi Orione 1-3 ( 20-25; 21-25; 25-21; 17-25)

La squadra sinceramente ha cercato di dare il massimo e, probabilmente, avrebbe potuto dare, forse, di più! Tuttavia, quando si scatenano certi meccanismi psicologici e la bassa classifica ti mette il fiato addosso allora tutto diventa difficile e la fortuna non ti aiuta nemmeno.

La squadra reagisce insegue ogni pallone, attacca ricostruisce e perde già all’inizio del secondo set una stoica Simona Tilotta pronta ad inseguire e riprendere palloni dalla difesa ma si infortuna in un recupero. Il subentro positivo di Valentina Stassi non cambia il tono del match, la squadra reagisce in modo vibrante e cerca in tutti i modi di arginare alcune criticità attaccando in banda.

Ma la lucidità e precisione – sia di Manuela Segreto, successivamente sostituita dalla pratica e non sempre precisa Monica Stassi – con le altre ali su talune zone nevralgiche del campo avversario non sono mai costanti e cosi l’allenatore del Don Orione, Isidoro Floria, ( nella foto) ficarazzese d’origine – già abile giocatore di briscola a cinque nei tempi felici adolescenziali con Franco Comparetto e gli amici ficarazzesi del “Nottingham Forest” – tira sempre un carico o una piccola “briscola” lungo la parte del campo scardinando sovente e disorientando la deambulazione difensiva ficarazzese agli ultimi 8 9 metri o con lungolinea micidiali e/o seconde intenzioni della palleggiatrice facendo cosi prevalere una maggiore qualità vista anche la classifica.

Don Orione, va ribadito con onestà, team qualitativamente ben messo in campo munito di un sistema difensivo eccellente tra i migliori, se non assoluto nella categoria, visto il dispiegamento a ventaglio armonico come si evince dalla ampia visione periferica dalle tribune del “Palasampognaro e dai video che Carmelo Filippone potrà visionare attentamente con calma! Certo! Ficarazzi poteva esser più fortunato! Crederci di più avendo lottato ad armi pari su ogni palla ed avendo parimenti perduto l’opportunità già al secondo set sul pari 21 sbagliando un servizio che, in tali frangenti, non deve verificarsi.

Cosi l’avversario mai domo e psicologicamente e più forte chiude con autodeterminazione ed una attenzione maggiore. Adesso non bisogna scoraggiarsi, anzi! In tali contesti e difficoltà, viene fuori il carattere e la voglia di risalire la china. Arcangela Saverino e compagne adesso dovranno dimostrare prima a se stesse e poi alla brutta classifica quanto tutto sia, forse, ragionevolmente menzognero.

Riprendere autodeterminazione, ferocia e voglia di riprendersi i punti e una salvezza auspicabilmente alla portata del Ficarazzi se si concretizza una maggiore attenzione e precisione al gioco.

Articolo di Franco Comparetto

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*