Assalto al negozio riuscito.

Il piano era perfetto con un solo difetto: molto rumoroso. Avranno pensato che essendo in Sicilia il forte rumore non avrebbe disturbato il sonno dei cittadini e le auto in transito, seppur poche, non guardano in direzione dei marciapiedi.

In due armate di spranghe hanno creato un varco nella vetrina con una cinquantina di colpi ben assestati. Hanno avuto ragione di un vetro corazzato di qualche centimetro di spessore ed hanno faticato parecchio. Avranno sudato molto per sfondare. Cinquanta colpi alle 2,15 del mattino a chi dovevano disturbare in pieno centro cittadino. Nel silenzio della notte chi vuoi che avrà sentito i colpettini ad un vetro corazzato. Siamo nel negozio dei fratelli Miosi, lungo il Corso Umberto I, di fronte alla scuole elementare. I due malviventi sono riusciti a portarsi via la cassa ed un motore autoclave. Salgono su un motore poco distante posteggiato e sono scappati in direzione Palermo. Nessuno sente niente e sul posto sono intervenuti i carabinieri della locale stazione che hanno avviato le indagini sul caso. Un aiuto potrebbe venire dalle telecamere lungo il corso se funzionanti. Dalle immagini registrate si potrebbe risalire ai due furfanti che con uno scasso hanno colpito uno dei tanti negozi lungo il corso principale.

Ai fratelli Miosi, Antonino e Angelo, siamo vicini per il vile atto contro la loro attività. Speriamo che i carabinieri possano presto garantire alle patrie galere questi furfanti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*