Download! EcosiciliaLeggi Ecosicilia in PDF

Come che la Madonna fici chioviri

Correva l’anno Domini 1812, era l’8 dicembre, annu nivuru, terribili, la terra stava murennu, – “se non chiovi, siccanu tutti cosi, puru li cabasisi” – accussì, siddiatu, siccu siccu, ngrasciatu, cu l’occhi n’terra, Clemente Matteo si ngustiava cu padri Ignazio Guttadoro, parroco ra Matrici ri Ficarazzi. Davanti la chiesa di S. Atanasio li fiammi acchianavanu versu lu cielu stillatu; s’abbruciavanu rami sicchi di viti e pampini di ulivo saracenu, li cinniri, u parrinu nicu Giardina Giovanni li coglieva, poi pi la missa li biniriceva e li spartiva ai ficarazzoti.

Il chiano era annigghiatu ru fumu, una ciurma di genti acchianava dalla strata di mari e sciamava verso la chiesa; tradiva e priava davanti a cappella del Crocifisso delle “Grazie”, la tagliavano con amuri, l’opira di frate umile da Petraia. La genti stava puru fora, era stanca, assettata n’terra, i muschi l’assaltava e idda stava n’tanati. Tutta Ficarazzi era scinnuta in Piazza per la Processione voluta da Monsignore l’arciprete Rodriguez, con il beneplacito del governatore Raimondo Corrado Ignazio Santapau.

Sulu priannu puteva chioviri, avia tri anni ca lu suli spaccava la terra, lu ciumi Eleuterio, da filotto a gattarello era siccu, l’arbuli di nespola e limona chiancianu, i vigneti, l’oliveti puru, favi, piselli e cipuddi erano spiruti. U paisi si strincia cu li so santi, Sant’Atanasiu, San Girolamu, ma quel giorno era tutto per lei, l’Immacolata Concezione, la Maronna bedda! La vara nisciu prestu, verso lu vespero; padre Stefano Filippo, vicario, ca tonaca tutta nivura pa lurdia rapeva la processioni; il marchese Giulio Antonio Giardina con donna Assunta al braccio era a capo dei quattro nobili, con don Faraone Lucio Ilderago e signora Lena, sicca comu na lesina; don Tesauro Riccardo Luigi e donna Rosina Mordini, dalla faccia giarna; c’era pitittu pi tutti, puru iddi eranu sicchi e allampanati.

 

N’tall’aria c’era un silenzio murtizzu, i cani stavano stinnicchiati ne cantuneri; i atti, a genti si manciava, mancu galli e galline c’eranu; sulu u chiantu ri nutrichi, chi vulevanu a nenna ra matri, ma eranu vacanti! Lu ragghiu ri asini-scecchi, dintra li stalli acchianava pi la chiazza. Il tesoriere comunale, Monteleone Gianluca Ferdinando, portava lo stendardo, chinu ri pruvulazzu; u popolino sicutava nt’arreri piannu lu Signori e la Maronna; aveva già 15 iorna chi priava in raccoglimento. Campagnoli cu li tuniche grezze di tela ri sacchi, qualche servo col tricorno sfondato, parrini vestiti di nero cu lu rosario n’te manu. A lu mezzu paisi, versu la chiesa di S. Francisco, don Luigi Macchiarella, a capo della confraternita della Anime Sante del Purgatorio, ossia dei Miseremini s’infilò nella processioni. Sotto il Castello dei Giardina-Naselli, monsignore Oliveti Antonino, aspettava con i confratelli del SS Crocifisso; sotto i scaloni stavano i gnura, i pecorari, i mastri r’ascia, i cutiddara, i cartiddari, i rifondatori, puru chiddi ru mulinu ra Bagaria.

Li fimmini cu lu velu n’testa e lu rosario n’manu invocavano la Immacolata Concezione, ca già si vireva in fondo allo stradone, preceduta dal cerimoniere, nella persona di Nilluzzu Cannella; dal banditore Gasparino Marturana e da quattro tammurinara ca camurriavanu e arruspigghiavano pure i morti. A l’8 dicembr 1812 si ittò un ventu tantu terribili, che non se ne sa u stissu, fici volari pruvulazzu, cappelli, pannizzi e pinni ri gallini, pampini ri nespole; durò circa un’orata e trequarti; padre Guttadauro fece suonare le campane pi tri voti, poi u ventu finiu e si cantò il “Tedeum Laudamus”. La siritina cuminciò prima cu lampi ca facivano iorna da la Marina o chianu Rimari e a Cumpagnuni.

 

In secunna arrivare li trona forti, assai forti, tutti l’armali scapparu pi li campagni. Arrivò la pioggia tantu disidirata e arrivava puru la Maronna, bedda, dal viso bagnato, cu l’aureola n’testa ca brillava. Sutta lu chianu della chiesa, un granni battimanu, di tutto il popolo ficarazzese, salutò il suo arrivo. E si rapirono le catarratte! Furono sette giorni di pioggia continua, che fece cariri il ponte sulla Consolare, che portava alla Bagaria, ed il Ponticello che dalla Vallotta faceva satari al Chiano Porto. La Madonna gradì le preghiere e allentò i cordoni, forse anche troppo: l’acqua scinneva ri risalaimi, acchianò ru ciumi e così n’to paisi.

S’allagarunu tutti cosi, casuzzi, stalli, masserie, campagni, cati, caticelli, vaschi e pignati. Supra lu scaluni cchiù avutu, padre Librizzi Antonino, tutto bagnato fradicio gridò: – “E’ quello il nostro ponente!” – Indicando verso munti Pellegrino, da dove s’arricampavano i lampi chi tagliavano il cielo nivuru nivuru. – “Il profeta Elia, dono anni e anni di siccità, mannò un picciotto a virili u ponenti, dove spuntava li nivurumi, e li un picciotto riciviu la risposta, la pioggia sta pi veniri ed ecco picchì noi ci rivolgiamo verso chilla latata!” – Li campani ripigghiaru a sunari, la pioggia calò, ai setti iorna l’Immacolata Concezione, ammuttata, sotto l’acqua a cati, i lampi, i trona, dal governatore Santapua, ca si scantò, dal fedele Macchiarella Luigi, da padre Stefano Filippo, da li campagnoli, tali chiamati Vicè, Sasà, Lilluzzu e Masuzzu, quattru fimmini ca su tuppuliavanu e cu rosario in manu, un tammurinaru, un banniaturi cu tammuru mezzu sfardatu, rientrò a Ficarazzelli ri cursa! Acqua ravanti e venti ri rarreri. Ficarazzi, per intercessione della Maronna, superò quell’era nivura, l’economia agricola piano piano acchianò e poi calò arreri ma questa è storia recente, e noi siamo sempre ccà!

Articolo di Giuseppe Morreale

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*