CONVEGNO: “COME DIFENDERSI DALLE TRUFFE” L’ARMA DEI CARABINIERI VICINA AI PIU DEBOLI!

Questa volta non si parla della …inflazionata legalità, ma al contrario dell’illegalità: La truffa! E allora ci siamo, sostanza ed informazioni vere, autentiche, alla gente che ha bisogno di chiarezza! Ficarazzi ne ha bisogno al momento! Tanta curiosità e partecipazione, da parte dei soci aderenti al gruppo “Amicizia e Fraterntà” Auser di Ficarazzi, nell’ambito di un tema particolarmente sentito e vissuto, tra l’altro, sulla propria pelle, quello della truffa perpetrata a danno degli anziani.

Ha subito dato il benvenuto il sindaco Paolo Francesco Martorana, in una elegante e sentita premessa, la prima legata al territorio ed alla memoria storica degli anziani e di un paese, oggi, con tantissime criticità tra queste anche quelle etico-morali. La seconda, il primo cittadino, nella circostanza ha voluto ringraziare l’Arma nel lavoro capillare e sinergico con la Guardia di Finanza e Polizia di Stato, nell’ambito di un servizio, che ha avuto largo eco sui media, sull’usura ed associazione a delinquere di tipo mafioso nelle nostre zone dirottando subito dopo, i convenevoli di benvenuto, alla presentazione al relatore principale dell’Arma.

E’ stato, pertanto, il Capitano Francesco Battaglia, giovane comandante della Compagnia di Bagheria coadiuvato dal Maresciallo Carmelo Sardi della Stazione di Ficarazzi che ha subito presentato, nelle sue sfaccettature e varie trasversalità, il particolare reato penale “Truffa mediante artifizi e raggiri” ” eseguito con particolare abilità, da soggetti criminali, ai più ingenui e sprovveduti.

Quello delle truffe è un fenomeno sempre costante che colpisce soprattutto le fasce deboli della popolazione. A farne le spese sono sempre più spesso gli anziani, bersaglio facile per i malintenzionati, specie quando abitano da soli.

Alla fine della breve ed esaustiva presentazione del fenomeno, spiegato in tutte le sfaccettature e dinamiche (da semplici truffe sino a quelle articolate e, infine, quelle più pericolose: quelle informatiche. L’ufficiale (evidente la provenienza di scuola classica, caratteristica mai marginale) ha avuto il merito e la capacità di spiegare con sintesi esaustiva il fenomeno visto l’evidente consenso partecipativo e la comprensione attenta del pubblico presente. Infine, i ringraziamenti finali costituiti dai saluti di ringraziamento e congedo, sia da parte del primo cittadino e dei presidenti: Piero Lo Cascio e Giuseppe Leonforte tributati all’ Arma dei Carabinieri. Graditi, infine, dai soci dell’Auser di Ficarazzi i depliants informativi ricevuti a tutela del fenomeno truffa dilagante nel mondo degli anziani e… non solo.

Franco Comparetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*