Download! EcosiciliaLeggi Ecosicilia in PDF

Dissequestro delle somme alla Aenne Press. La famiglia Nangano:”un massacro mediatico”

Il Tribunale del Riesame ha dissequestrato i beni e le somme della “Aenne Press” spa della famiglia Nangano ed amministrata da Giovanni Nangano.

Lo hanno comunicato in una nota ufficiale i legali della famiglia Nangano.

Il provvedimento sblocca subito il patrimonio, fino a coprire la cifra di 1,3 milioni di euro, oggetto del provvedimento emesso dal gip del tribunale di Termini Imerese. Secondo l’ipotesi della Finanza “Aenne press”, società di Ficarazzi, leader nel settore della distribuzione editoriale, aveva sfruttato un giro di false fatture per risparmiare sulle tasse da pagare.

I legali fanno sapere che il dissequestro “si pone in linea con quanto deciso dalla commissione tributaria di Palermo che ha annullato gli avvisi di accertamento ritenendo insussistente l’ipotesi che Aenne press si fosse avvalsa di fatture per operazioni inesistenti al fine di ottenere indebiti risparmi di imposta”. 

Il sequestro dell’ingente somma era stato emesso dal Gip del Tribunale di Termini Imerese ed era stato subito impugnato dai legali della Aenne Press il 28 dicembre.

Il giudice dei riesame del Tribunale di Palermo in camera di consiglio l’otto gennaio aveva disposto l’immediata restituzione dei beni e delle somme, ma la notifica è avvenuta solo questo lunedi mattina.

La famiglia Nangano che è molto conosciuta in paese ha,mediante social network, ringraziato coloro che hanno inviato attestati di stima e si dicono amareggiati per la tempistica degli avvenimenti. E’ stato un danno di immagine molto forte per una azienda creata mattone su mattone con sacrifici e duro lavoro. Una azienda sana e orgogliosa – riferisce Giuseppe Nangano sui social.

La giustizia fa il suo corso, ma siamo sicuri che la famiglia Nangano possa dimostrare in tutte le sedi opportune che il suo lavoro e la sua condotta sono state sempre nel rispetto della legge.

Di seguito il comunicato stampa ed i documenti inviati dai legali.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*