Download! EcosiciliaLeggi Ecosicilia in PDF

Editoriale di Aprile di Giuseppe Compagno

Il risultato conseguito dall’amministrazione Martorana a seguito del divieto imposto ai mezzi superiori alle 5 tonnellate di attraversare il nostro territorio, racchiude in se una forte contraddizione. Si tratta, forse, di uno dei pochi casi in cui un provvedimento di ordine pubblico (che attiene anche alla salvaguardia della salute), non è il risultato di una spinta che arrivata dal basso, dalla così detta società civile, ma direttamente dagli amministratori – con in testa il Sindaco – e dalla Polizia Municipale guidata dal Comandante Filippo Oliveri.

Il grosso è stato fatto, ma adesso occorre concentrarsi all’interno del territorio e contrastare in maniera più incisiva gli automobilisti più arroganti, quelli che utilizzano i marciapiedi come stalli infischiandosene del rispetto che si deve ai pedoni.

Naturalmente non ci sfugge il fatto che la Polizia Municipale, con l’esiguo numero di addetti, stia intensificando i controlli per bloccare i TIR che non rispettano il divieto d’accesso al nostro territorio. Grazie all’interrogazione presentata dai consiglieri dell’opposizione e alle parole del comandante della Polizia Municipale, abbiamo scoperto che il sistema di Videosorveglianza in realtà controlla solo il perimetro che circonda la “Casa comunale”.

    

Infatti su 18 videocamere ne funzionano solamente 6. Ne consegue che sia il corso principale che una parte della scuola media, i due plessi della scuola elementare e l’asilo comunale di via San Martino non sono soggetti a criteri minimi di controllo. Riceviamo e pubblichiamo volentieri due lettere inviateci dai nostri concittadini Emanuele Tribuna e Diego Napoleone.

Il primo, con disincanto, ci spiega che “La differenziata è una chimera e non abbiamo ne l’impiantistica ne le soluzioni immediate per realizzarla.”, mentre il secondo (dopo avere assistito all’INCESTO fra la differenziata e l’umido perpetrato da parte degli operatori ecologici, si chiede: ” A che serve quindi differenziare”.

All’interno troverete un’intervista rilasciata dal consigliere dell’opposizione Maria Curvato. La stessa risponde sui temi riguardanti i Cantieri di Servizio, la Videosorveglianza, il fiume Eleuterio e l’Acquedotto del xv° secolo. Naturalmente spazio anche alla via CRUCIS e all’ottimo risultato, in termini di qualità e di partecipazione, ottenuto dallo staff di Franco Bellanca, grazie anche alla performance del nostro editore Biagio Saverino, che si è calato in maniera “empatica” nei panni di Gesù. Pietro Lo Cascio, presidente dell’associazione “Amicizia e Fraternità”, Pino Cacciatore, presidente del Circolo anziani “Padre La Rocca” e Giuseppe Talluto, presidente dell’Ass. “Alleanza Sociale” augurano una Buona Pasqua a tutti cittadini

VILLABATE è sempre al centro di diatribe politiche che certamente non aiutano il processo. di crescita e di rinnovamento agognato dai cittadini. I consiglieri Retaggio, Milazzo e Cenci hanno risposto alle domande rivolte loro da Ismaele La Vardera. Il consigliere dell’opposizione Retaggio accusa i consiglieri di maggioranza di avere abbandonato l’aula mentre si stava discutendo su un corposo dossier riguardante i rifiuti, e attacca i nuovi “professionisti della legalità”, con un riferimento non molto velato al vice sindaco Francesco Giglio. Sempre dall’opposizione arriva l’attacco dell’ex vice sindaco Milazzo che (assumendosi la responsabilità di quello che afferma, ) afferma che: “il 31 gennaio viene sollevata (Lo Cicero ndr) dall’incarico non con revoca del sindaco, come avrebbe dovuto, ma per nascondere la verità le hanno fatto firmare una lettera di dimissioni personali protocollata prima, esattamente il 29 gennaio 2014, il tutto all’insaputa dell’Assessore Lo Cicero”. La redazione di statale 113.it si riserva di contattare la Lo Cicero per conoscere la sua versione.

Spazio anche alla maggioranza con l’intervista al consigliere Marco Cenci che accusa l’opposizione: “chi è rimasto senza poltrone ha iniziato un tentativo di denigrare il lavoro fin qui svolto (cultura, pulizia del paese, recupero verde pubblico, tradizioni popolari, programmazione a medio e lungo termine, politiche per la legalità) senza offrire una visione di progetto alternativo.

Giuseppe Naccari si è occupato della via CRUCIS, ritornata ai vecchi sfarzi e accolta con grande entusiasmo dai cittadini, e del Mercatino rionale che tutti vogliono, purchè non sia insediato sotto casa propria.

La redazione di Statale 113.it augura a tutti i cittadini di Villabate e Ficarazzi una BUONA PASQUA.

Non ci resta che augurarvi BUONA LETTURA

Giuseppe Compagno Aprile 2014

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*