Download! EcosiciliaLeggi Ecosicilia in PDF

Emergenza freddo: raccolta fondi per i giubbotti riscaldabili tecnologici per senzatetto

In questi giorni di freddo rigido vi chiedo di darmi una mano ad aiutare chi dorme per strada. Sono tante le associazioni che aiutano i senza fissa dimora, ma alcuni di loro preferiscono comunque dormire per strada e non andare nei dormitori. Per questo motivo, una delle cose più importanti da fare è proteggerli dal freddo, soprattutto la notte, quando la temperatura scende anche sotto i 5 gradi, spesso con vento, pioggia e addirittura neve.

L’iniziativa è del giornalista palermitano e nostro caro amico William Anselmo e per questo siamo lieti di aderire alla raccolta fondi e speriamo che anche voi siate generosi.

Per donare potete visitare la pagina Facebook della raccolta al seguente indirizzo: Raccolta Fondi Facebook dove troverete tutti gli aggiornamenti e la possibilità di donare.

COME FARE?
La tecnologia può venirci in aiuto! Questa raccolta fondi servirà ad acquistare dei gilet tecnologici riscaldabili che potranno garantire fino a 10 ore ininterrotte di calore (fino a 50 gradi) a chi dorme per strada.

Ci sono vari modelli di giacche riscaldabili, ma inizialmente punteremo su dei modelli che attualmente si trovano al costo di 30-40 euro, a cui dovremo aggiungere dei powerbank dal costo di circa 20-30 euro. In alternativa, potremo acquistare dei kit (dal costo di circa 15 euro) da cucire direttamente su dei giubbotti.

COME RICARICARE I POWERBANK
L’idea è di associare ogni giacca riscaldabile a un piccolo esercizio commerciale che ogni mattina dovrà semplicemente mettere a caricare il powerbank per poi restituirlo carico la sera.

COME PUOI AIUTARE?
Puoi fare una piccola donazione per consentire di acquistare quanti più kit riscaldabili possibili. Se sei un piccolo esercizio commerciale (bar, ristorante, ricevitoria, etc…) puoi dare disponibilità per “adottare” una giubbotto riscaldabile e quindi garantire la ricarica quotidiana del powerbank collegandolo alla rete elettrica.

Tutte le spese saranno rendicontate e rese pubbliche. Una volta acquistate le giacche riscaldabili e i powerbank, i senza fissa dimora alle prese con l’emergenza freddo saranno raggiunti tramite le associazioni che da anni si occupano di questo settore, che conoscono i casi specifici e, soprattutto, che hanno la sensibilità per approcciarsi a loro.

Nella foto William Anselmo (a Sx) con Giuseppe, un senzatetto che ha ricevuto il primo gilet.

 

i particolari del gilet.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*