Download! EcosiciliaLeggi Ecosicilia in PDF

Ficarazzi la “fuitina”

Era quasi primavera, c’era cavuru, per Ficarazzi era un giorno qualunque, ma non per Saro u saracino. U zù Minicu “u Batioto” abbanniava o chianu; don Piddu si sciarriava con lo zù n’Toni, picchì diceva che l’aveva arrubbatu dal carretto un sacco di fumeri; Saru zappava “o genuisi”; la terra era ancora sicca, sudava e s’incuttumava di dentro; il suo pinsero andava a lei, a zita, a Concetta: si vedevano ammucciuni e so patri faciva sempre l’opira.

“U parrinu, Patri Vitellaru, giovane giovane puri iddu, glielo aveva detto: “fuire è viltà, ma è puru salvamento di vita” – e si nnì lavò i manu! Come a dire: – Caro Saro spirugghiatilla tu! – Altro che fidanzamento, che spiatine di matrimonio, chi pacchianata, chi mazzu! Bravu picciotto, travagghiaturi, stacciutu, beddu figghiu, ma Saru nun tiniva niente. Famigghia numerosa, onesta, tanta dignità ma tantu pitittu. Il padre di Concetta, don Vicè Augello si tuccava ca canna, s’annacava e si sinteva una cacocciola, 1) picchì s’avia maritatu a donna Filippa, a figghia ru zu Giuvanni u miricanu, 2) picchì avia un pirtusu e un tumulu ri terra. Insomma, appena vinni a sapiri ri sta trama si stracanciò e misi u scuoppu nella porta.

“Cuncetta nun và più a chiesa” – “Cuncetta a mastra nun ci va cchiù” – “Cuncetta devi niesciri cu mmia e so matri”. Saru era disperato, ma cominciò a strummintiari ca so cumarca cosa fari. Si mantenne calmo, aveva spinno, ma era astuto, si macerava ma aspettò una misata. La domenica, durante u passiu, con la sola tagliata, senza ciatare si facia capiri ri Concetta. I sue ziti con gesti minimi, appena accennati, con calati di testa, con signali cu l’uocchi avevano fatti i pattiggi. Ficiru passare Pasqua e Pasquetta e cunzaru lo “zirlio dei grilli”.

La Messa del vespero era finita da poco: a zà Ninuzza passò u stratuni; Nidduzzu stava spaiannu u carrettu n’capu u casteddu; Pinuzzu chiamava sempre Michiluzzu; u zù Calorio pigghiava tabaccu e u zu Pipanu, cu Battistuni facevano avanti e indrè na chiazza o chianu.

Era quasi scuru, passava una macchina ogni tantu, quando il silenzio fu spardatu da un grido truniato: – “No! Lassa iri a me figghia malacunnutta! – Curnutu e cosa tinta, no!” – Propria sutta a funtana, donna Filippa scacciò in terra, coscie all’aria e culu n’terra, senza lassari a manu ri Concetta. Saru spalleggiato da Tano u russu e Manuali u Sanfasò, tirava a Cuncetta, che era arrestata impigliata, e facia finta di non volere andare. – “No! Lassami, no! Nun vogghio venire!” – “Amunì, acchiana na macchina” – “Proprio davanti la Chiesa c’era una 600 grigia, con il motore che cantava; alla guida Ginu u meccanicu, uno che guidava puru mentri dormiva; amanti ri macchini, ra targa Florio e ra Ferrari! Donna Filippa, scantata, tutta russa in faccia, chiancia e gridava: “Aiuto, a me figghia si stanno purtandu! Malacarni lassati a me figghia! No Cuncè non ci iri, ti consumi!” Cuncetta acchianò sulla 600, che stappò allizzata per Bagheria.

La fuitina era fatta! Donna Cuncetta ora aggiarnò! Suo marito era arraggiato e pigghiava pinnuli. A tavola era restata cunzata. Lui parlava ma aveva la bocca allapposa e i parenti che erano venuti in via Mare lo taliavano preoccupati. “Chistu stasera c’arresta siccu!” Don Vicè attaccò turilla “Sta tappinara era d’accordo con lui! Ma io niente ci fazzu! Niente corredu! Non la vogghiu chiù vidiri, e a lui, appena pozzu l’astutu!

E girava attorno la tavola. Donna Filippa, donna chiesastica, non si dava pace: “Chi briogna… chi briogna! A picciridda mia, mmanu e straiunazzi”. Rabbia, dramma, disperazione in casa Augello. I due novelli sposini erano alloggiati in una casa dei mannari a Bagheria, da uno zio di Tanu “u russu”. A Concetta il cori batteva forti forti, e ci principiò una febbre avuta, s’intiva cavuru, cavuru e poi friddu friddu. Saru preoccupato ma cuntentu a taliava ed era tuttu priatu! Ma ora veniva il difficile. Come fare a “paciata?”… la discurruta? Don Vicè non era ri mussu dolce e tutto rischiava ri finire a schifu. Intanto stavano scendendo in campo i sensali, i parenti di don Vicè e di Saru che cercavano di appianare la faccenda.

Ri Bagheria scinniu a Ficarazzi. Nenè u scarparu, omu chi cabbasisi, ca era puru compari di don Vicè. Allora m’pari Vicè che aria tira, chi si rici? “Mali, mali, m’pari Nenè, me muggheri corcata, ca avi lu sdillinchiu, me figghia si nnì fuiu e io mi sentu assufficatu e persu”! “E io pi chistu sugnu ccà, picchì vostra figghia e so maritu Saru! – “No! M’pari, chistu nun mi lavia a fari, picchì vi la arricugghistivu? Bella tagghia ri vistiti siti compari! Finiamola Vicè, i picciotti si vuonnu bene e poi oramai quello ch’è fatto è fatto!

A stu puntu, don Vicè abbassò la cresta e dopo na simana i due sposini ritornarono a casa, in via Mare. Sulla scala li aspettava donna Filippa, li abbracciò e vasò i due fuiuti. Don Vicè era più sulle sue e paria un cani vastunatu ma sutta sutta era affruntatu. Ora i due ziti si dovevano sposare con tutti i sacramenti, in Chiesa, fiori e confetti, abito bianco, magari rosella, ma il trattenimento dovrà essiri cchiù mantenutu e per invitati solo i stritti stritti. Ma dobbiamo fari in fretta picchì mi sa tantu che tra anticchia don Vicè diventa nonno.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*