Ficarazzi presente a “Vetrine d’artista” di Bagheria

Esordio estremamente positivo, domenica scorsa, dell'”Open space d’arte e artigianato” ospitato nei locali comunali di Via Pittalà, una iniziativa di Giusi Sciortino, sceneggiatrice e scrittrice già ideatrice dell’incontro culturale “Come una stella una notte d’estate” realizzato lo scorso 30 agosto nello spiazzale antistante il palazzo Larderia. Con l’appuntamento di domenica 25 novembre ha preso il via un percorso che impegnerà anche le prossime tre domeniche (2, 9 e 16 dicembre) una squadra di artisti che esporranno o si esibiranno in un contesto originale a metà strada tra intrattenimento, musica dal vivo, esposizione e spazio libero per chiunque si voglia aggregare anche all’ultimo momento. Giusi Sciortino è riuscita nell’impresa intanto di farsi assegnare in via provvisoria i locali a pian terreno di Via Pittalà, riportarli ad uno stato di decenza, visto come erano ridotti, e creare uno spazio d’arte aperto a tutti.

Oggi artigiani ed artisti possono disporre di “Vetrine nel centro storico di Bagheria” e tra i primi ad aderire Laura Buzzetta per le ceramiche, Antonella Tribuna con gioielli in tessuto, Marta Puleo con gioielli artigianali in feltro, Flaminia Tribuna con gioielli in argento e pietre dure e non ultimo Francesco Maria Martorana, rinomato musicista, che domenica scorsa si è esibito con la sua chitarra “in vetrina”, mentre per la prossima domenica è prevista una esibizione musicale con pianoforte e violino a cura di Davide Vaccaro e Vincent Palazzo.

All’interno dello spazio espositivo si possono visionare anche i dipinti del pittore Francesco Bartolone ed Antonio Baiamonte visibili anche dall’esterno per coloro che transitano in quel tratto del corso Butera. Va detto che tra gli spazi espositivi un angolo è dedicato ad abiti da sposa ed altre donazioni benefiche effettuate a beneficio della comunità di San Giovanni Bosco e che danno l’opportunità a chiunque voglia farlo di contribuire al sostegno dell’attività della stessa comunità. Abbiamo chiesto a Giusi Sciortino di parlarci del suo progetto anche al di là dell'”Open space d’arte e artigianato”

” Il mio progetto artistico a lungo termine è quella di proporre performance teatro-musicali che valorizzino il sito in cui vengono rappresentate. Il primo evento è stata la rappresentazione “Come una stella una notte d’estate” del 30 agosto scorso a Palazzo Larderia, una contaminazione artistica di di danza, prosa, musica live scritta ad hoc per raccontare e dare visibilità ad un angolo suggestivo ma poco noto della città. L’uso dell’immobile di corso Butera mi è stato temporaneamente concesso sia per svolgere prove teatrali di nuovi eventi in preparazione e, contestualmente, per rendere fruibile questo spazio condividendolo con la comunità, organizzandovi – pro bono – delle attività aggregative all’insegna dell’arte e della musica.

Vetrine d’Artista, in linea con il mio progetto, attraverso un esposizione d’arte, artigianato e musica, anima piacevolmente un immobile di proprietà comunale e conferisce all’iniziativa un valore aggiunto: dare visibilità al made in Sicily e promuovere i talenti del nostro territorio, utilizzando un bene confiscato alla mafia. Il passaggio da cosa nostra a cosa pubblica mi sembra di buon auspicio. Arte e cultura sopravvivono nei secoli mentre – come sosteneva il giudice Giovanni Falcone – come tutti i fenomeni sociali, la mafia è destinata a scomparire.

Ritengo che un’accelerazione in questo senso è possibile imprimerla potenziando gli appuntamenti culturali della città, con una formula che prediligo, ovvero bilanciare informazione ed intrattenimento, in modo da coinvolgere un pubblico trasversale. Dopo Vetrine d’Artista, difatti, sono in calendario delle lectio magistralis tenute da esperti che tratteranno vari argomenti di interesse pubblico, tra i quali l’alimentazione naturale e la medicina alternativa, e ancora, la proiezione di un raro film girato negli anni ’70 a Bagheria, ma anche sedute dimostrative di yogaflex o di educazione civica con tricicli e macchinine, dedicate ai più piccoli ma – senz’altro – utili anche ai grandi.

Ad incoraggiarmi nelle mie iniziative è l’inaspettato riscontro di pubblico che ricevono, poiché sdoppiarsi tra il lavoro creativo e il lavoro organizzativo, non è esattamente una passeggiata di salute”.

P.s.: Per aderire a “Vetrine d’artista” contattare direttamente il numero 329 1178210

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*