Download! EcosiciliaLeggi Ecosicilia in PDF

I precari del Comune di Ficarazzi vincono in appello un risarcimento del danno

.

La sentenza del 14 dicembre 2017 della Corte di Appello Sezione Lavoro di Palermo ha ribaltato la sentenza di primo grado del Tribunale di Termini Imerese e ha riconosciuto ai precari del Comune di Ficarazzi che avevano scelto le vie legali per farsi riconoscere lo status di dipendenti a tempo indeterminato un risarcimento del danno per un importo pari a 12 mensilità con il riconoscimento degli interessi maturati dopo il periodo di trentasei mesi dall’assunzione.

Quindi la Corte di Appello ha riconosciuto il fatto che le proroghe fatte dalla pubblica amministrazione hanno provocato un danno al lavoratore e ne ha stabilito l’indennizzo.

I precari che hanno aderito le vie legali sono stati solo 14 e, quindi, non tutti quelli in servizio al comune avevano scelto la via legale per tutelare i propri diritti.

La sentenza della Corte di Appello di Palermo provocherà per il Comune di Ficarazzi un esborso di oltre 150 mila euro e la cifra è ancora tutta da quantificare.

Questa sentenza, però, potrebbe indurre anche coloro che non avevano partecipato la prima volta a rivolgersi all’avvocato per aver riconosciuto il loro danno.

Inoltre i precari hanno anche una richiesta di danno presso la Corte di Giustizia Europea che potrebbe essere persino più onerosa della sentenza della Corte di Appello. La sentenza è prevista nei prossimi mesi.

La sentenza della Corte di Appello sarà nei prossimi giorni notificata al comune di Ficarazzi e comincerà cosi l’iter per la richiesta del danno. 

Intanto il tempo passa e molti dipendenti del Comune di Ficarazzi andranno nei prossimi anni in pensione riducendo di fatto il personale in organico all’ente. I precari da anni aspettano i concorsi che potrebbe aprire loro la strada della stabilizzazione, ma niente si è mosso. 

Spetterà, forse, al nuovo presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci,  mettere mano a questo capitolo della politica siciliana che vede migliaia di precari lavorare negli enti pubblici.

Ecco il file in pdf della sentenza…

palermo dispositivi-1

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*