Download! EcosiciliaLeggi Ecosicilia in PDF

Il dissesto è colpa del Sindaco? Secondo me è un concorso di colpa.

Dare la colpa del dissesto al Sindaco è una cosa facile. Se piove solitamente la colpa è del Sindaco e non del tempo. Il dissesto di un ente è qualcosa di più complicato e di certo le feste di paese, le manifestazioni, il taglio delle indennità di carica e tante altre piccole “minchiate” (consentitemi il termine) non influiscono sulla situazione drammatica degli enti comunali in Sicilia. E’ solo una questione morale e non finanziaria.

Semplicemente ci sono due dati che vanno analizzati. Ficarazzi è povera e lo Stato e la Regione hanno chiuso i rubinetti. Semplice come il sole ed il mare.

Ficarazzi ha un tessuto economico da povertà assoluta. Basti pensare all’elevato numero di Reddito di Cittadinanza richiesto e farsi un giro per il paese. Quante attività economiche vedete? E sono sicuro che quelle presenti tirano avanti con grandissimi sacrifici e tanti debiti.

Questo si tramuta in due dati di bilancio. Da un lato i cittadini sono costretti a pagare tutti i servizi e le tasse al massimo consentito dalla legge: vedi Irpef comunale, Imu sulle seconde case e ville, la TARI salatissima e altri balzelli.

Il problema è che molti cittadini non riescono a pagare tutto questo puntualmente e qualcuno non lo pagherà mai. Che colpa ne ha il Sindaco?

Se la Regione taglia i fondi perchè pure lei è a secco e lo Stato decide di rendere autosufficienti i comuni e, quindi, riduce drasticamente i fondi la colpa non è del Sindaco.

L’unico appunto che posso sollevare al Sindaco è sul tema rifiuti. Le scelte che ha affrontato sono state, secondo il mio giudizio, errate e tardive. Questo ha provocato elevati costi di gestione del servizio che hanno inciso sul dissesto. Sul versante rifiuti il Sindaco poteva fare decisamente meglio. Questo però ha un peso sul dissesto ma certamente non è la sola voce in capitolo. Ed i rifiuti in Sicilia sono una brutta bestia nera.

Anche con altre scelte probabilmente sui rifiuti il dissesto non sarebbe stato evitato.  L’amministrazione comunale di Paolo Martorana è stata poco reattiva nel trovare i tappi che potessero fermare l’emorragia.

Non si può nascondere il fatto che politicamente il dissesto sta avvenendo sotto i piedi del Sindaco Martorana, ma non posso certo dare a lui tutte le colpe di questa situazione.

Anzi, oggi a fare il Sindaco ci vuole coraggio da vendere e questo coraggio lo ammiro in Paolo. Chiunque avesse scienza della situazione economica italiana non si sarebbe avventurato in una candidatura.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*