Il servizio idrico ritorna ai comuni. Ficarazzi dovrà rispondere.

Le “Acque Potabili Siciliane” sono fallite e la gestione della rete idrica è al collasso. I comuni che hanno aderito obbligatoriamente all’Ato Idrico come Ficarazzi si ritrovano a dover affrontare una serie di problematiche per evitare che i cittadini abbiano un disservizio dal fallimento.

La strada è molto tortuosa e comprende anche i lavoratori, circa duecento, che lavoravano per la San Giorgio Spa che aveva vinto l’appalto trentennale.

La rete idrica e fognaria è sotto la gestione dell’APS e in caso di guasto nessuno può intervenire. Per questo dopo diverse riunioni si è stabilito che il Comune può ritornare a gestire la rete idrica e fognaria e, quindi, intervenire nei problemi di distribuzione. Però alle parole devono seguire i fatti ed i comuni sono nelle condizioni di accettare il ritorno della rete e di adoperarsi nel mantenere efficiente il servizio. Occorrono però fondi e uomini che il Comune deve reperire al suo interno e, nel frattempo, cercare di dare in appalto il servizio all’esterno mantenendo la titolarità del servizio.

Passeranno mesi e la Regione nel contempo deve modificare la sua legge. I lavoratori dell’APS saranno licenziati e spereranno che le nuove aziende che prenderanno in appalto il servizio li assumeranno. Intanto dovranno sopravvivere.

Ficarazzi ancora non ha deciso nulla. Entro i prossimi giorni dovrà rispondere alla curatela fallimentare che vuole ritornare il servizio al comune e impostare il servizio di distribuzione. In gioco ci sono anche le cifre che i cittadini pagano all’Aps. Bisogna contabilizzare i consumi e predisporre i pagamenti, inviare le richieste e pagare i fornitori. Tutto questo era in capo all’APS che ora non è più in grado di fare nulla.

Dopo l’Ato rifiuti un altro fallimento, quello idrico, che riporterà tra le file comunali un altro importante servizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*