Download! EcosiciliaLeggi Ecosicilia in PDF

Il Sindaco chiede ai cittadini di differenziare. La discarica è al collasso.

Le discariche sono al collasso. Lo sono da molto tempo e prima o poi non potranno più ricevere i rifiuti.

Inoltre le leggi nazionali e comunitarie hanno imposto trattamenti ai rifiuti che alzano il prezzo del conferimento a cifre proibitive. Tutto questo insieme all’inefficiente organizzazione regionale degli impianti per la differenziata pongono seri problemi al servizio di raccolta rifiuti.

Il Sindaco vista la difficoltà di conferire i rifiuti indifferenziati alla discarica ha affisso un invito alla cittadinanza per aumentare la raccolta differenziata. In questi anni la raccolta differenziata in paese non è decollata. Forse per via di un piano ARO che prevede delle “isole ecologiche mobili (fisse, in realtà) che i cittadini dovrebbero usare per fare la differenziata.

Un sistema che pensavamo non potesse funzionare e che lasciava troppo spazio ai cittadini per non fare nulla. Cioè si chiedeva ai cittadini di differenziare quando non si era pronti.

Era plausibile adottare un sistema di ritiro domiciliare delle frazioni differenziabili per permettere agli operatori di eseguire un controllo veloce sulla qualità del rifiuto e permettere alle famiglie di abituarsi al riciclo.

Un sistema a giorni assegnati che permettesse il recupero di carta, plastica e vetro ed inoltre l’umido. Lasciando alla frazione indifferenziata solo un piccolo spazio.

Quest’ultimo, l’umido, rappresenta circa il 40% del rifiuto. Però in Sicilia non ci sono impianti adeguati per il recupero.

Invece con le isole ecologiche non si garantisce che il recupero della differenziata sia di qualità e questo, infatti, non ha portato un euro nelle casse comunale dai consorzi di recupero. Un fallimento su tutta la linea. Bisogna cambiare e velocemente, altrimenti la strada sarà in salita.

Tags:

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*