Download! EcosiciliaLeggi Ecosicilia in PDF

Intervista al Dr Filippo Oliveri, comandante della Polizia Municipale

vigili-urbaniSignor Comandante, partiamo con una domanda retorica: come è stato accolto a Ficarazzi? Il personale della Polizia Municipale è all’altezza delle sue aspettative e del suo metodo operativo?

Posso riferire che dal giorno del mio insediamento, ossia dal 12 settembre 2013, ho potuto sin dal primo momento riscontrare un’accoglienza calorosa e affettuosa da parte dell’intera amministrazione e della cittadinanza che nel corso della mia attività quotidiana andavo conoscendo. Posso pertanto affermare di essere pienamente soddisfatto dell’impatto iniziale avuto con la realtà ficarazzese. Per quanto riguarda il grado di professionalità inizialmente riscontrato nel primo contatto con il personale della P.M. posso affermare che gli stessi hanno un buon grado di preparazione.

Ritiene sufficiente il numero dell’organico dei dipendenti della P.M.?

Non ritengo sufficiente il numero attuale dei componenti la P.M. in quanto oggi più che mai la stessa risulta impegnata in molteplici attività e in svariati ambiti. Consideriamo infatti che dei 16 componenti la P.M. ben 11 di loro, fra agenti e assistenti, hanno un contratto a tempo determinato di cui 8 a 28 ore settimanali e 3 a 24. Dei rimanenti 5 Ispettori Capi a contratto a tempo indeterminato, uno di loro non può svolgere servizi esterni e risulta impiegato in attività esclusivamente interne.

Per quanto riguarda i tre plessi scolastici come viene organizzato giornalmente il servizio?

Compatibilmente con il personale in servizio cerco di assicurare la presenza della P.M. sia negli orari di entrata che negli orari d’uscita. In alcune circostanze, personalmente mi sono recato (negli orari di ingresso e di uscita degli scolari) a sostituire il personale preposto a tale servizio, pur di garantire la sicurezza dei ragazzi.

     

 Non possiamo non parlare dell’atavico problema del traffico, una piaga che incide notevolmente sulla salute dei cittadini. Negli anni alcuni assessori al ramo ed ex comandanti si sono esposti in prima persona con proclami che decantavano l’imminente deviazione dei mezzi pesanti, ma fino ad ora siamo rimasti ai soli proclami. Peraltro il 14/11/2013, si è svolta una riunione operativa di servizio che aveva come fine quello di vagliare le possibili soluzioni in merito al tema. Ci sono novità confortanti’?

Nel corso di tale riunione di servizio sono state vagliate alcune ipotesi atte a risolvere l’annoso problema. Alcune di esse erano volte ad individuare itinerari alternativi alla percorrenza del corso principale, deviando i mezzi verso via Dante e viale Europa. L’alternativa sarebbe quella di indirizzare i mezzi pesanti verso via Città di Palermo a Bagheria che non sarebbe favorevole a tale proposta, in quanto “oltre a non avere alcun vantaggio per il loro assetto veicolare costituirebbe un grave appesantimento di flussi veicolari delle loro strade.” Per quanto riguarda l’afflusso dei mezzi pesanti provenienti da Palermo abbiamo già avuto la disponibilità da parte dell’Ufficio Traffico del Comune di Palermo a dirottarli in direzione di via Galletti per immettersi in autostrada.

Altre soluzioni?

L’altra soluzione piuttosto radicale potrebbe essere quella di apporre ai confini con il comune di Bagheria apposita segnaletica di divieto di transito ai mezzi superiori ai 3,5 T dalle ore 08.00 alle ore 20.00 con eccezione ai mezzi che devono effettuare operazioni di carico e scarico merci all’interno del territorio comunale. Tale soluzione comporterebbe la presenza costante di una pattuglia di P.M. che dovrebbe garantire il rispetto di tale ordinanza.

A proposito ci sono rilevazioni sulle emissioni di CO2 di cui non si conoscono i risultati e che molto probabilmente si trovano dentro qualche cassetto del Comune. Non le sembra il caso di occuparsi di questo mistero e mettere i cittadini nelle condizioni di conoscere questi dati?

Mi impegno appena avrò conoscenza di questi dati epidemiologici, di sensibilizzare l’amministrazione o chi di competenza a renderli pubblici attraverso gli organi di informazione, al fine di informare la cittadinanza dei rischi causati dallo smog prodotto dai veicoli in transito.

Che ne pensa del progetto sul “Nonno Vigile” promosso da circa un anno dall’amministrazione comunale e mai andato in porto?

Nei giorni scorsi mi sono studiato con attenzione tale progetto e gli atti deliberativi riguardanti il “nonno vigile”. Ritengo che questa figura possa essere stimolante per coloro che vogliono volontariamente fornire il loro contributo per la collettività; ma non ritengo che risolva la carenza di organico della P.M

Da un articolo pubblicato da Statale 113, si evidenziava che l’automezzo fiat Doblo di proprietà del Comune e in dotazione al comando, risultava sprovvisto di copertura assicurativa? Ci chiedevamo il perchè questo mezzo, costato 40.000 euro, rimanesse fermo e inutilizzato. Alla fine il mezz è stato assicurato?

Dopo avere interpellato tre agenzie assicurative che hanno presentato le relative offerte ho provveduto a fare assicurare il veicolo che sarà prontamente utilizzato per servizi di controllo all’interno del nostro territorio. Mi pare ovvio che un mezzo di tale valore e dotato di alta tecnologia operativa non possa rimanere fermo ed inutilizzato.

Possiamo dire qualche parola sul suo predecessore Bevilacqua? Ha messo in discussione la scelta del Sindaco Martorana. Si è appellato al TAR contro la sua nomina. Ha duellato con reciproci colpi bassi con la collega Caterina Saccomanno per finire con il querelare la stessa e il sottoscritto.

Per la mia esperienza di vita e la mia signorilità riconosciutami da tutti coloro che hanno avuto la possibilità di conoscermi, sia dal punto di vista lavorativo che dal lato umano, preferisco non commentare le azioni legali del mio predecessore. Sono abituato a rispondere con i fatti attraverso il mio lavoro e non a mezzo parole di esternazione. Ricordo che il mio è un incarico fiduciario (6 mesi rinnovabili) a tempo e che sarò giudicato per quanto sarò in grado di fare.

Intervista di Giuseppe Compagno sul Mensile Statale 113.it

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*