Download! EcosiciliaLeggi Ecosicilia in PDF

La Chiesa Madonna della Sicilia sarà del Comune

oggiChiesaMareLa storia della Chiesa della Madonna della Sicilia ha molti anni. Tutto è cominciato dalla donazione del terreno di una anziana signora che voleva realizzare il sogno di Padre Passamonte: realizzare una Chiesa da dedicare alla Madonna. Il sogno di Padre Passamonte è diventato realtà con tanti sacrifici. Solo che la sua realizzazione era un pochino abusiva visto che il terreno era in una zona chiaramente di inedificabilità assoluto perchè sotto i 150 metri dalla battigia. Ovviamente mentre si costruiva si sapeva dell’esistenza del vincolo di inedificabilità assoluta, ma tant’è che la Chiesa è li.

Si penso allora di chiedere con una delibera del consiglio comunale una deroga al Presidente della Regione Siciliana pro tempore cosi come è stabilito dalla legge che ha imposto il vincolo. La delibera è stata approvata ed inviata dagli uffici alla Regione.

Unico neo del procedimento che la Chiesa non poteva essere sanata in quanto Chiesa perchè la proprietà dell’immobile è di Padre Passamonte. Un privato sacerdote e non della curia come doveva essere. Quindi anche la richiesta di sanatoria poi fatta non poteva essere accolta, come non lo è stata per tanti altri immobili.

L’iter ha fatto il suo lento corso fino ai nostri giorni. Dopo la richiesta fatta agli eredi, dopo la morte di Padre Passamonte nel 2009, di demolire e ripristinare i luoghi a spese degli eredi e la mancata esecuzione dell’intimazione, la legge prevede l’immissione in possesso dell’immobile al patrimonio del comune senza spese di iscrizione nei registri.

Il Comune dovrebbe poi provvedere all’abbattimento dell’immobile ed imputare le spese agli eredi. Un passo che, però, in questo caso si può evitare se il Consiglio Comunale decida che il bene immesso al patrimonio comunale possa essere utilizzato per fini di utilità sociale. In questo caso ci sembra che il fine sociale ci possa essere e la Chiesa si potrebbe salvare dalle ruspe.

Questo mio breve percorso è stato scritto dopo che sul mensile “Statale 113.it” è stata riportata la notizia dell’immissione in possesso della Chiesa della Madonna della Sicilia.

Una storia che si è allungata negli anni come i tanti casi di abusivismo edilizio della zona costiera e che oggi sta venendo a conoscenza perchè l’unico modo per salvare la Chiesa è renderla Comunale. Altra storia sarebbe stata scritta se Padre Passamonte, invece, di intestarsi la donazione del terreno avesse scelto di intestarlo alla Chiesa di Sant’Atanasio. Forse il Presidente della Regione Siciliana avrebbe dato una deroga al vincolo dei 150 metri. Non lo sapremo mai.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*