La Crocicchia abbandonata a se stessa

E’ arrivata l’estate, cambiano i tempi, ma non cambia il piacere che da sempre i ficarazzoti hanno di andare al mare e con loro, adesso, i tanti nuovi “ficarazzoti”.
Tutti aspettano sempre con ansia il momento per potere godere della bellezza della nostra Crocicchia, spiaggia dei ficarazzoti dai tempi remoti, quando scogli e balate, scillicose e chiane facevano da cornice con lo sfondo del verde delle campagne, del canneto a cui un giorno
lontano un figlio di Zeus diede fuoco. Ciottoli bianchi, sabbia fine, mare cristallino e lucente dove si pescavano con le mani nude ricci e polipi di scoglio, altri tempi, ma i ritmi e le abitudini del “mare” non vengono mai meno, nessuna modifica da chi scende alla Crocicchia per affrontare una lunga e calda giornata al mare. I Problemi che nascono all’indomani nell’apertura della stagione balneare sono sempre gli stessi: la pulizia della spiaggia cosidetta “libera” e il posteggio. Il problema del parcheggio alla Crocicchia, lungo la strada, sullo scivolo è nato in questi ultimi giorni, creato dalla Polizia Provinciale, che con grande solerzia e prontezza sono scesi dalle nostre parti a far snellire un traffico inesistente e a far rispettare il divieto di sosta in una strada larga come le Ramblas di Barcellona durante i giorni feriali, dove si passìa la “scimmia”, mentre la domenica, quando succede l’Apocalisse, con macchine posteggiate anche dentro la Chiesa del Mare, dentro il villino del Signor Viola o da “Anciluzzu”, non si vede nessuno, ma dicevo, il problema principale è quello che riguarda l’immondizia lasciata sulla spiaggia. Si sa, è noto a tutti, che i palermitani, e per palermitani intendo anche noi e tutti quelli che fanno parte della Provincia, da Trappeto a Finale, per natura sono un po’ n’grasciati, un po’ n’cunnati, basta riandare col pensiero ai tempi del Vicerè Caracciolo che memore di Parigi, volle imporre i mutandoni ai “gnuri” palermitani, perchè i loro cavalli con le “cacate” impestavano le strade di Palermo, o i tempi del grande Goethe che era estasiato dal più bel promontorio del mondo ma scappò per la puzza e per le montagne di immondizia che cummigghiavano il Cassaro e la Marina.

Ebbene per farla corta la nostra Crocicchia è un letamaio, una piccola discarica di bottiglie rotte, pannolini e fazzolettini, sacchetti di plastica, sedie rotte, la foce del Fiume Eleuterio si è trasferita con le sue canne sulla spiaggia e non parliamo dei topi che stazionano sugli scogli lato Aspra dove un tempo ci si tuffava la gioventù ficarazzese.
E’ mai possibile che nessuno da parte del Comune si interessi del problema, che nessuno venga a fare pulizia una volta ogni tanto, o metta dei contenitori dove la gente “civile” depositi i
sacchetti con l’immondizia che crea. Ma è davvero così difficile vedere che il Comune faccia qualcosa, che dia un piccolo servizio a tutta quella gente, sia ficarazzoti, che “nuovi” ficarazzoti che preferiscono il nostro mare?.
La Crocicchia è bella grande, spaziosa, c’è posto per tutti, ma è impossibile che per tutta l’estate dobbiamo convivere con la “succursale” di Bellolampo?. Attendiamo con ansia una risposta da pare dell’Amministrazione Comunale, entro la fine dell’Estate.
Giuseppe Morreale

9 pensieri riguardo “La Crocicchia abbandonata a se stessa

  • 30 Luglio 2010 in 17:54
    Permalink

    Beh… effettivamente abbiamo un qualcosa di bello che noi per primi, cittadini, non rispettiamo.. in quanto non sono i marziani che arrivano dallo spazio e lasciano tutti questi ricordi in giro per la spiaggia o nelle vicinanze..
    seconda cosa che vorrei sottolineare è che, secondo le mi conoscenze, la spiaggia è stata data in concessione dal Demanio Marittimo ad una cooperativa o associazione, non so bene, la quale ha l’obbligo di pulire tutta la spiaggia compresa quella, che per legge, deve essere lasciata alla libera fruizione…

  • 5 Agosto 2010 in 09:14
    Permalink

    è pure vero che chi fa le cose essenzialmente per fare soldi, al lungo andare se ne frega dell’aspetto della pulizia totale e costante della spiaggia, visto che riesce a vendere fiumi di alcol e a prendersi 8 euro per sdraio e ombrellone….ma stiamo scherzando???dopo 15 anni che “gestiscono” questa spiaggia dobbiamo vedere ancora strutture in compensato, pedane anni 80 e cabine in mezzo alla fogna di rifiuti???? Ma quando penseremo a fare le cose per abbellire i posti, non soltanto per ricavarne tutti i possibili introiti…..mi chiedo se tutto sommato la spiaggia che ci ritroviamo rappresenta poi la vera essenza dei ficarazzoti….sporchi e incivili, parlando con chi gestisce la spiaggia hanno fatto un lavoro fantastico quest’anno…quindi se per fantastico si intende questo…Buon Estate!

  • 5 Agosto 2010 in 18:53
    Permalink

    Io penso che si debba guardare anche il resto e non solo la spiaggia….per primo l’ingresso…vi siete mai chiesti perchè dopo 30 anni non esiste nessuno che abbia pensato ad aggiustare la discesa che porta in spiaggia?sto parlando di quei massi in cemento armato tutti distrutti, della vegetazione che cresce tra le pareti e per finire l’asfalto….ma dico io fatecela una pavimentazione adeguata ad un lido, una libera spiaggia, un posto di mare ecco….Poi avete mai fatto caso alle case che circondano la spiaggia? O sono abusive o sono sequestrate alla mafia…distrutte e mezze fracassate danno l’impressione di essere proprio in quei quartieri in cui è impossibile viverci…di conseguenza al di sotto di esse lo schifo regna totale…immondizia, pezzi di calcinacci, vegetazione incolta e quindi secca….diciamo che al di fuori di quelle 2 orette al giorno di sole e bagno non ce ne frega niente a nessuno della spiaggia o del mare….certo sarebbe bello scendere a godersi un tramonto in una cartolina vivente, quale potrebbe essere proprio la crocicchia….immaginatela bella ogni tanto…e non pensate solo a farci soldi con quei 4 pezzi di legno che montate ogni anno…ovviamente la responsabilitaà non è solo di chi gestisce il lido…ma…se io aprissi un chiosco bar non lo aprirei di certo vicino i cassonetti dell’immondizia, per intenderci.

  • 2 Agosto 2011 in 19:45
    Permalink

    Salve a tutti sono stata quest anno a TRappeto davvero uno schifo unico spiaggie sporche a dir poco …rifiuti per la spiaggia gestita malissimo e anche molto cara in confronto alla schifezza del posto ve lo sconsiglio a tutti quelli che magari per caso ci cascano scegliendola come luogo di vacanze oddio meglio chiudersi in cella che andare li.. e pensare che avevo chieso al padrone degli appartamenti dove ho allogiato : mi scusi la spiaggia dove si trova??E lui a me : a 200 metri. Alla faccia passa un trenino che incassa fior di soldi altro che 200 metri davvero ladri e disonesti puhh

  • 15 Agosto 2011 in 23:36
    Permalink

    salve a tutti e ben 25 anni che vivo all’estero e vedo che a ficarazzi non e cambiato niente quando ero bambino gia allora andavano a lavare i cavalli alla crocicchia e c’era spazzatura vergognoso meglio all’estero tanto finche non cambia il re con i suoi seguaci ficarazzi rimarra una porcheria paese di passaggio

  • 16 Agosto 2011 in 00:47
    Permalink

    mi ricordo di un amico credo pinuzzu o cicciu u liuni che era andato a lavorare in germania e quando veniva a ficarazzi in vacanza portava la fidanzata alla crocicchia a fare l amore ( non saprei dire se per romanticismo o non aveva posto in casa)
    quei favolosi anni 70 non torneranno piu,peggio per noi…….
    in qualcosa abbiamo sbagliato

  • 7 Settembre 2011 in 22:41
    Permalink

    anch’io venendo da fuori sono rimasta allibita per il degrado in cui versa la vostra spiaggia ma anche l’intero paese…e mi dispiace che un litorale così,potenzialmente bello,sia deturpato non solo dalla sporcizia e l’incuria di anni di abbandono..ma anche da tutte quelle orribili case abusive che sorgono sul demanio marino..limitando il panorama del passante ad un mucchio di pietre e ferraglia arruginita..ma quando si svegliano i siciliani???

  • 18 Novembre 2012 in 07:10
    Permalink

    ciao saluti a tuti imiei concitadini di ficarazzi 43 anni ke sto in america e non o mai mancato di visitare il mio paese con tanta gioia per me e i miei amici e gontento di rapresentare la litorania e hotel lamartinica ke faccio i miei conplimenti di una atrazzione di un bel locale e di ospietalita vengo spesso a ficarazzi o girato il mondo ma la gruscikia era il mio play ground ora sento e vedo ke le persone non tengono pulito la spiaggia mi scoraggia un po perghe si deve rispettare l,abiente sono un abientalista spero ke il comune punisce a tutti sti incivili e porci spero di passare la mia veghiaia con un panino e guardarmi la mia spiaggietta la crucikiai love ficarazzi by by

  • 8 Gennaio 2013 in 01:27
    Permalink

    Ciao a tutti, mi accingo a commentare questo blog integrandolo con una mia esperienza.
    Io mi chiamo Leonardo e sono un nuovo cittadino di Ficarazzi.
    Come tante altre persone ho scelto di vivere qui, in questo paese, perchè penso che esso abbia molte potenzialità e molto da offrire spero in un futuro non troppo lontano.
    Mi sono trasferito qui con la mia famiglia. Siamo io, mia moglie la nostra piccola bimba di 4 anni.
    Fino a pochi mesi fa abitavo in piccolo centro tra le colline della provincia di Palermo. Anche per motivi di salute di mia figlia ho dovuto scegliere una zona di mare, più calda e mite rispetto al precedente posto dove abitavamo. Soprattutto la vicinanza del mare è stato uno dei fattori che hanno dominato nella nostra scelta di comprare casa a Ficarazzi.
    Purtroppo però ho potuto constatare che l’accesso alla spiaggia di Ficarazzi, in particolare al lido Crocicchia è impossibile a causa dell’enorme quantità di immondizia che permane dal bordo della strada fino al mare.
    Frigoriferi, televisioni, cassette di plastica e un innumerevole e spaventoso numero di bottiglie di plastica praticamente rendono l’aria irrespirabile e la passeggiata nella piccola spiaggetta un vero miraggio.
    Leggo in questo blog che altre persone, da tempo anche, hanno già provato lo sdegno e la vergogna che ho provato io sabato scorso. Mi chiedevo se c’è la remota possibilità di organizzare un gruppo civico di persone (o magari già esiste e quindi di potenziarlo) che possa sensibilizzare con varie iniziative la pubblica amministrazione e i cittadini tutti.

    Ficarazzi può essere molto più di quel che è. Lo dice un forestiero che ha deciso di far crescere i propri figli qui.

    Spero che qualcuno raccolga il mio invito che vuole essere richiamo e grido di speranza.
    Scrivete e chissà che non possiamo raggiungere un numero di persone in grado di cambiare il corso della storia a iniziare dalla pulizia della costa, un tempo splendida, di questa parte della nostra bella Sicilia.

    Ciao,
    Leonardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*