La Grecia al voto e l’Italia?

[da Occidente] La risposta finale della Grecia arriverà con le nuove elezioni. Perché quelle precedenti NON hanno risposto ai criteri dettati ed attesi dall’alto. La Grecia ha dimostrato che non sempre la gente è addomesticabile con una elezione in cui gli schieramenti più grossi hanno pubblicamente di muoversi entro lo stesso alveo. Ed i Greci, molto probabilmente, col nuovo voto , il Giocattolo lo romperanno definitivamente nonostante il terrorismo europeista delle sue ormai ex-classi dirigenti. Se questo colpo dovesse andare a segno, la linea dura della Merkel potrebbe subire un colpo quasi mortale.

Perché sarebbe tornata in campo l’idea della Sovranità Nazionale ed il principio del diritto dei popoli a quella che, un tempo, si definiva autodeterminazione. Sarebbe tornata in campo la Politica contro il Potere non dichiarato e NON VOTATO da alcuno della Grande Finanza ormai raccordata a livello internazionale. Una “evoluzione” del capitalismo che ha messo in crisi perfino certo neo-capitalismo. Ma un cambio che ha letteralmente annichilito quei pezzi d’Europa che non erano ancora arrivati al cosiddetto “capitalismo maturo”.

Da qui la folle idea di “recintare” l’area del voto possibile, surrogabile addirittura con Commissari “Tecnici” di fatto estranei agli interessi oggettivi ed immediati delle singole Nazioni. Ma già nel XVIII secolo Nicolas de Chamfort ammoniva :“Gli economisti sono ottimi anatomisti e pessimi chirurghi: operano a meraviglia sul morto e massacrano il vivo.”.

L’Europa non è riducibile alla logica d’una Grande Azienda sul mercato dei titoli. L’Europa è Civiltà della Complessità. L’Europa è mille ed una Storia. E’ Tradizione di popoli e di Stati; è Umanità, è Cultura, non semplici colonnine del Dare e dell’Avere.

    

Ma se la Grecia socialista sbagliava a credere di poter campicchiare tra turismo di massa, un pizzico di passato e tanto pubblico impiego super pagato, è anche vero che Nessuno ha il diritto di chiederle di trasformare il Partenone in un capannone industriale o in una Società Internazionale quotata in borsa. E se per aver esagerato in Grecia, l’eurocrazia arrogante vedrà scappar via il suo primo sasso Nulla toglie che questo Processo inizi a crescere e si concluda con una Frana inarrestabile.

Puoi seguire “Occidente” su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*