La questione dei manifesti abusivi

Le elezioni comunali dovranno rispettare le leggi sulle affissioni e si potranno utilizzare solo gli spazi che il comune metterà a disposizione per le liste. I vigili urbani e la locale stazione dei Carabinieri hanno avvisato a tutti i candidati.  Tutti gli abusi saranno puniti con severe multe e tacciati con un piccolo adesivo “abusivo”. Senza eccezioni alcuna. Candidato avvisato e mezzo salvato. Non si ripeteranno le scene viste molti anni fa con i manifesti appesi un po’ dappertutto e con la nuova moda di gonfaloni, striscioni e banner che tappezzavano tutti i pali della illuminazione pubblica. In paese, però, non si respira più l’aria delle elezioni e sembra tutto scorrere tranquillo. Se non fosse per i ripetuti comizi elettorali della lista che sostiene Giuseppe Macchiarella sarebbe una campagna elettorale silenziosa fatta di piccoli comitati e da presentazioni a base di musica, prodotti tipici e locali di tendenza, convegni e incontri. Lungo il corso Umberto nessun manifesto ricorda le elezioni. Deturpano il decoro urbano e l’ambiente. Alla fine la legge va rispettata e i candidati saranno obbligati agli spazi loro destinati. Buona campagna elettorale a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*