Download! EcosiciliaLeggi Ecosicilia in PDF

Le associazioni di consumatori vogliono vederci chiaro sull’acqua

Le associazioni di consumatori vogliono vederci chiaro sulle bollette di saldo inviate dall’Ato Idrico in questi giorni ai cittadini di molti paesi, compreso Ficarazzi.

Lo scopo è capire se la fatturazione dell’acqua è corretta o se ci sono stati degli errori materiali nel calcolo delle bollette. Le cifre giunte in alcuni casi sono elevate ed è giusto che prima di pagare si abbia la certezza di avere una fattura reale e corretta.

Stiamo parlando del consumo idrico tra il febbraio 2014 ed maggio 2015. Quindi una durata di circa 15 mesi.

Se si ritiene che i dati della fatturazione siano errati ci diamo appuntamento in piazza Padre Pio presso la sede di Ecosicilia e Alleanza Sociale dalle 17,30 alle 19 con le bollette idriche ricevute. In particolare occorre l’ultima bolletta APS tra dicembre e febbraio 2014; gli acconti ATO Idrici ricevuti nel 2014-2015 (dovrebbero essere due o tre bollette) e la prima bolletta idrica dell’Amap.

Tutto questo serve a capire i consumi e le letture dei contatori e stabilire se la fatturazione dell’Ato idrico è corretta.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*