L’editoriale di Michele Manna

A Ficarazzi abbiamo di tutto, “tasse”, “pentito”, e addesso anche il “puparo” Ma quando arrivano le “escort”?  Onestamente non so da dove cominciare con questo numero 211 del periodico storico ficarazzese che fino all’ultimo istante, prima di andare in stampa, continua a proporci scoop e notizie eclatanti impossibile da non pubblicare. Iniziamo intanto che da una estate apparentemente soporifera, calda ed un poco sonnolenta ci aspettavamo, a seguire, un settembre onestamente un pò più frizzantino. Forse il troppo caldo d’agosto o l’annunciato inizio anticipatissimo della campagna elettorale ci aveva illuso con una ripresa autunnale abbastanza energica. Invece il prolungarsi dell’estate prima, l’arroventarsi del problema Tarsu dopo ed infine l’uscita pirotecnica dell’assessore (oggi ex) Sergio Cuccio ha portato la temperatura massima del barometro ficarazzese a dei valori mai raggiunti prima. E per un paesino come il nostro che, dopo la vicenda degli arresti di un clan interamente locale, si è visto nelle prime pagine di tutti i giornali, dopo la vicenda del primo “pentito” locale ha raggiunto audience a livello nazionale, e dopo i manifesti contro l’aumento della Tarsu del 110% (percentuale ritenuta non veritiera dal sindaco nella pagine di questo numero) ecco arrivare un personaggio che fino a questo momento non era stato mai menzionato nelle nostre rubriche, almeno a partire dal 1977, quando con Radio Ficarazzi Centrale abbiamo fondato “l’informazione locale” in paese.

      

Stiamo parlando del personaggio del “puparo” mensionato da Sergio Cuccio nel volantino diffuso in questi giorni in paese e pubblicato, anche questo, nel numero di “Controcorrente” che avete in mano. Un termine che avrà inevitabilmente ripercussioni e strascichi a vari livelli, ma noi che siamo semplici giornalisti di un piccolo centro, che proprio semplice non è, analizziamo lo “scoop” da un nostro personalissimo punto di vista lasciando, già da questo numero, le repliche  ufficiali ai “diretti interessati”. Da un punto di vista prettamente mediatico (che poi è il nostro settore) abbiamo valutato l’ultimo anno di “notizie eclatanti” prodotte dal nostro paese. Abbiamo avuto blitz con arresti e questi sono finiti su tutti i telegiornali, abbiamo avuto un omicidio sulla litoranea ed anche questo è finito su tutti i giornali, abbiamo registrato il primo pentito della nostra storia ed anche questo è finito (e continua ad esserci) su tutte le prime pagine dei principali giornali nazionali e ci chiediamo: ma è mai possibile che solo con le notizie brutte emergiamo nel settore dell’informazione a mai per un altro genere di argomentazioni? E se proprio devono essere brutte le notizie che ci riguardano perchè, per esempio, a Ficarazzi non arrivano  mai le escort, possibilmente da Arcore o da Palazzo Grazioli?. Da quelle che si vedono in televisione e nei giornali ci accontenteremmo “visivamente” anche delle meno belle (perchè di brutte non c’è ne sono manco a cannonate) e quanto meno con la scritta in sovraimpressione del paese di Ficarazzi nei reportage televisivi si vedrebbero delle bellezze, che indipendentemente dal lavoro più antico del mondo che fanno, porterebbero delle faccine gradevoli da vedere sul piccolo
schermo anche da Ficarazzi con un inevitabile ritorno, anche turistico, in paese.

     

Scherzi (mica tanto) a parte la situazione in paese è estremamente seria ed anche se ci scherziamo su un pò preoccupati lo siamo. L’unica cosa che ci chiediamo è perchè dirlo soltanto adesso e non prima. Ma queste sono soltanto domande che chi di competenza dovrà accompagnare a
delle risposte esaustive.  Risposte che la stragrande maggioranza dei cittadini di Ficarazzi attendono e meritano.

Errore, il gruppo non esiste! Controlla la tua sintassi! (ID: 3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*