Download! EcosiciliaLeggi Ecosicilia in PDF

Morta Suor Enrichetta, da oltre 50 anni a Ficarazzi

E’ morta nella notte Suor Enrichetta, la sorella di tutti, tra le mura del Castello Giardino, sede delle Suore Teatine di cui faceva parte. Veniva scherzosamente chiamata Madre Teresa di Ficarazzi per la sua enorme bontà, ma anche per il suo zelo.

Ho passato l’infanzia tra quelle mura. Il Castello, cosi pomposamente chiamato, che altro per me non era da bimbo che la mia scuola. Scuola di vita in cui mi divertivo ed ho imparato a conoscere le suore. Tutte brave e severe.

Poi si cresce e si esce. Ho studiato, ma non mi sono mai allontanato veramente da quelle figure. Donne che avevano scelto Dio e servirlo nel modo migliore. Suor Enrichetta avrà accumulato migliaia di chilometri con la sua rivista. Portava Famiglia Cristiana in moltissime case dei ficarazzesi. Quando diventai più grande era il mio “incubo”. La vedevo in lontananza con il suo andamento claudicante, il vestito pesante,  con le riviste in mano. Non mi interessava molto leggere il giornale ma non mi sottraevo affatto al suo incontro.

 Mi salutava e mi chiedeva della mia vita e dei miei cari. Li chiamava ad uno ad uno con il nome come a sottolineare che si ricordava di tutti. Io le raccontavo di me e lei con il suo sorriso mi testimoniava che il suo servizio a dio era stato utile. Mi aveva cresciuto ed ora raccoglieva i frutti di quel duro lavoro. Ed il giornale me lo ritrovavo in mano.

Per alcuni anni sono stato  coordinatore della Caritas Cittadina e con suor Enrichetta ci vedevamo spesso. La aiutavo come potevo e non c’era occasione in cui non andassi al Castello per farle visita. Lei anziana suora che continuava il suo servizio. Fino alla fine. 

Ora lavoro lontano dalla Sicilia. Non potrò essere al suo funerale. La porterò nel cuore e spero che le sue tante benedizioni possano proteggermi in terra, sicuro che lei, anima pia e gentile, continuerà a farlo dai cieli. 

Riposa in pace, sorella Enrichetta e proteggi tutti i tuoi figli che tanto ti hanno amato in questa terra.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*