Poesie Premio Palumbo: Cori ncatinati

Riprendiamo la pubblicazione delle Poesie presentate nei primi anni del premio. Un viaggio nel tempo alla scoperta delle poesie che sono state ritenute degne di menzione e pubblicazione.

Molte hanno trovato posto nelle pubblicazioni come “Saba” che raccoglievano le poesie vincitrici e menzionate.

Cori ncatinati

Ncucciunatu n’o jazzu

d’o miu fucularu

a usu ùttera di tiettu

chiovinu pinsiera

cunsacrati in juvintù

quannu ntall’artaru

affatatu a suspiruni

dicìa un duci si

 

Ogni sbrizza spicchiulia

per li d’amurusanza

ca tra jorna, misi e anni

di upirusi frastuorni

ntrinsicati l’amarizza

e l’alligrizza

cadenzianu parpiti

di nacchiri mai stanchi

 

Oh suonnu ncantaturi!

Binidiciu u Signuri

ca accrisciennu ardenzi

di cori ncatinati

all’eterna primavera

ammizzigghia d’àddubbari

cu vuccuzzi risulenti

e facciuzzi di paparina.

 Poesia di   Gaetano Capuano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*