Download! EcosiciliaLeggi Ecosicilia in PDF

Quando il partito è una casa vuota

Il prossimo 28 ottobre i siciliani torneranno alle urne per eleggere questa volta i deputati regionali. Per tentare il grande salto sono 47 i partiti che si presenteranno agli elettori. Una marea di simboli anche stravaganti e candidati che chiederanno la fiducia di quei pochi che andranno alle urne. Un gran numero di candidati che tra vecchi e nuovi, puliti ed indagati, cercheranno di entrare dalla porta principale a Palazzo Reale. I partiti principali, invece, sono in gran movimento e tra di loro cercano di rubarsi i migliori candidati. Una vera e propria transumanza politica di candidati in cerca di casa.

Tutto questo svuota i partiti rendendoli solo i contenitori di candidati che si scontrano. Nessun riferimento ai programmi e nessun riferimento alla soluzioni dei problemi della Sicilia. Si pensa solo a trovare il posto migliore o mantenere inalterata la situazione attuale. In mezzo coloro che si ritengono i nuovi politici figli di movimenti e associazioni che nulla hanno a che vedere con la politica ma che si sa vengono attratti dal “bene comune”. Alla fine vinceranno sempre gli stessi o quasi e, soprattutto, in questa tornata elettorale potrebbero vincere gli astensionisti. In questo caso, pero, se non si va a votare per nessuno, in virtù di una legge elettorale studiata a tavolino, si avvantaggiano i più votati.

One Comment

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*