Rifiuti roventi a Ficarazzi

Con un volantino, appeso in tutto il paese, si protesta contro l’aumento della tarsu del 110%. Già le tasse sono di per sè indigeste, soprattutto in un momento, nazionale, dove viene chiesto un sacrificio (ai soliti e soli fessi) non indefferente per il “pareggio di bilancio” imposto dall’europa, e leggere di un aumento a Ficarazzi che supera quello record del 100% recentemente deliberato dal comune di Bagheria, non agevola certamente ne la serenità d’animo, ne quella del portafoglio,
prezioso accessorio sempre più pieno di balzelli da pagare e sempre più povero di banconote. Abbiamo intervistato il sindaco
Pino Cannizzaro, al quale abbiamo anche chiesto l’attuale rapporto tra il comune di Ficarazzi ed il “carrozzone” del “Coinres”

Sig sindaco può chiarire lo stato attuale del rapporto tra il comune di Ficarazzi ed il Coinres?
Da più di un anno il servizio raccolta rifiuti è gestito dal comune, cioè da quando con una delibera dell’assemblea dei soci del coinres è stato ufficialmente dichiarato che il Coinres non era più in grado di gestire il servizio che un consorzio del genere doveva garantire. A questo punto era normale che il servizio tornasse al comune. L’unico elemento che tiene ancora in piedi questo consorzio, che ricordo è stato messo in liquidazione già da alcuni mesi, riguarda soltanto la gestione per il  mantenimento occupazionale degli operatori, quindi si occupa mensilmente delle spettanze da liquidare, i conteggi vari ed i riscontri economici dovuti ai lavoratori, per il resto tutto quello che opera attorno al pianeta rifiuti è mosso in maniera
autonoma. Il comune di Ficarazzi ha svolto una gara propria per il noli a freddo, risparmiando un bel pò di soldi rispetto
a prima, la discarica non è più quella di Bellolampo ma quella di Mazzarra Sant’Andrea, dove i costi di conferimento sono inferiori, con un risparmio annuo di oltre centomila euro, la raccolta differenziata la gestiamo noi e nostra è la fornitura di vestiario e quant’altro ai nostri operatori, gestiamo l’approvvigionamento dei carburanti e la manutenzione dei mezzi. In parole povere tutto quello che prima era ad appannaggio del Coinres da un anno è di pertinenza  del comune di Ficarazzi.
Credo che questo nuovo sistema stia dando i frutti desiderati visto il servizio che viene garantito alla collettività di Ficarazzi e quello per esempio di altri comuni dove la pulizia non si può certo confrontare con la nostra. Da noi i cassonetti vengono  adesso puliti ogni mese ed i mezzi (nostri) vengolo lavati ogni 15 giorni. Oggi ogni comune, da questo punto di vistà è un’isola a
se dove ogni amministrazione è libera di gestire questo servizio come meglio crede, tranne per come già detto, l’incombeza delle retribuzione del personale.

  

Quanti sono i dipendenti Coinres che operano a Ficarazzi?
Attualmente abbiamo assegnate 33 unità, dall’ultimo rilievo che abbiamo fatto, e devo dire che sono persone che lavorano ed il risultato è sotto gli occhi di tutti. Le vergognose immagini delle montagne di immondizia ormai fanno parte del passato e l’attuale sistema garantisce, grazie all’impegno di queste 33 unità, un paese pulito e vivibile. Devo dire che il ripartimento ai comuni prima consorziati delle unità lavorative ha comportato al comune di Ficarazzi l’attribuzione di personale in esubero rispetto al numero di cittadini del nostro comune e previsti in pianta organica. Per essere ancora più chiaro, quando si formò il consorzio del coinres, il comune di Ficarazzi assegnò 17 unità che allora operavano, a tempo determinato, nel nostro territorio
(il 5% della quota spettante al nostro comune). Oggi alla “restituzione” delle 17 unità dobbiamo aggiungere altri 8 operatori
che provengono dai “contrattisti a tempo determinato”, quindi un totale di 25 unità. Attualmente gli “assegnati“ al nostro comune sono 33 che naturalmente vengono pagati dalle casse comunali, anche perchè lavorano sodo, con un inevitabile
aggravio economico sul bilancio comunale.

Quindi con 8 operatori in più si potrà garantire un servizio migliore?
Tutti i 33 operatori svolgono un servizio eccezionale, garantiamo anche il servizio della raccolta porta a porta e nell’immediato futuro abbiamo la messa a regime della raccolta differenziata che ad oggi funziona in maniera un po singhiozzo anche se garantisce comunque, ad oggi, un buon 20% di raccolta che non va in discarica, Ricordo che se si raggiungeranno percentuali ragguardevoli si risparmieranno cifre considerevoli (meno conferimento in discarica) che ripercussioni positive anche
sulla tassazione del servizio.

Perchè l’ultimo aumento?
Questo ultimo aumento (20%) siamo stati costretti a farlo proprio per l’esubero del personale assegnato, personale che lavora e che va pagato. Il costo da coprire, degli operatori in esubero, incide per oltre duecentomila euro l’anno e l’aumento è dovuto soltanto a questa ragione.

Ed allora perchè l’accusa di un aumento del 110%?
Chiaramente ti riferisci anche al  volantino recentemente distribuito a firma del PD. Permettimi di dire  ai cittadini che, per me, si tratta di una forma di terrorismo fondato sul falso dove mi si accusa di avere aumentato del 110% la tassa sui rifiuti. Premetto che sono pronto ad accettare critiche e lamentele di tutti i tipi ma bugie no, soprattutto come questa che ha le gambe  cortissime e buona solo ad incutere nella gente confusione che può generare anche situazioni di una certa pericolosità. Vorrei capire su quale base è stata fondata questa affermazione e da quale “sacchetto” sono stati tirati fuori questi numeri. Io sono sindaco di Ficarazzi da circa 11 anni ed in questo lunghissimo periodo abbiamo messo mano all’incremento della tarsu soltanto tre volte (ci sono le delibere che tutti possono visionare) una prima volta del 30% e le altre due con il 20% per un totale,
in undici anni, del 70%. Quindi rispondo con affermazioni supportate da prove inconfutabili a delle affermazioni false ed infamanti sulle quali mi riservo di perseguire gli autori attraverso una informativa agli organi competenti.

Alla fine ci può dire quanto paghiamo di Tarsu?
I parametri di Ficarazzi sono tra i più bassi dei comuni dell’ex consorzio, noi pagavamo quando siamo entrati nel coinres circa euro 1,92 al mq oggi siamo a poco più di 2 euro. La media dei comuni è di circa 2,50 euro al mq. A Bagheria, per fare un esempio, sono arrivati a 3,40 euro mq, quasi il doppio della nostra aliquota.

Intervista di Michele Manna

Errore, il gruppo non esiste! Controlla la tua sintassi! (ID: 3)

Un pensiero su “Rifiuti roventi a Ficarazzi

  • 4 Dicembre 2011 in 19:07
    Permalink

    I CITTADINI DEL BACINO COINRES
    Piena solidarietà ai lavoratori del COINRES che in questi mesi hanno lavorato e non percepiscono lo stipendio.
    È fuori di ogni dubbio che ciascuno dei lavoratori del Coinres, il quale futuro è sempre più incerto, abbia il diritto ad essere pagato, non solo per il lavoro svolto, ma soprattutto per il contratto di lavoro che ha e che rispetta.
    Facendo il conto sullo stipendio, ciascuno di loro ha pianificato le proprie spese, i propri investimenti, il proprio futuro.
    L’augurio che tutti ci auspichiamo è che nessuno di loro perda il lavoro e soprattutto lo stipendio, diventato per molti unico mezzo di sopravvivenza.
    È sentire comune di molti cittadini che in qualche modo questi lavoratori vengano al più presto pagati e più di ogni altra cosa che non perdano il lavoro. Tutto ciò premesso, è doveroso fare alcune considerazioni.
    C’è chi dice che gli stipendi li pagheranno i Comuni, chi la Regione, chi lo Stato.
    Nelle prossime ore sarà più chiaro che lo Stato non pagherà i debiti delle politiche forsennate di alcune regioni. Tra qualche giorno la Regione Siciliana avrà ultimato il bilancio e i politici saranno costretti a rendere noto il buco presente nei conti. Tra qualche settimana i Comuni dovranno saldare il conto pagando gli stipendi, gli arretrati, i contributi. Ma come?
    Semplicemente tagliando le spese, creando nuovi debiti con la Cassa Depositi e Prestiti, e rivedendo in rialzo le aliquote di TARSU, ICI, e nuove tasse.
    Se tutti noi cittadini siamo contenti di tutto ciò, perché è sicuramente “bellissimo” pagare tasse per ricevere in cambio servizi, quale riparazione strade, scuole, assistenza anziani, smaltimento rifiuti, feste, salsicciate, non dobbiamo fare altro che continuare a farci rappresentare dalle attuali amministrazioni, perché finora bene hanno amministrato.
    Ma se noi cittadini non siamo contenti di questa gestione allegra abbiamo una sola scelta, mandarli a casa e al più presto!
    I CITTADINI SOLIDALI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*