… RIFLESSIONI… CHIUSO IN CASA! IL VALORE PREZIOSO DELLA QUOTIDIANITA’!

…. questo cielo grigio e nuvoloso, il freddo, la pioggia mi confortano! Non si può uscire e trovo consolazione a ciò! E’ una ..velata clausura, ci manca la liberta! Sebbene in ritardo, molti di noi si stanno adattando alle ferree regole, un segno tangibile e necessario per riprendere la speranza e ritornare al più presto alla vita normale! Ma ancora è presto! Sono fiducioso e nutro molte speranze!

Quest’isolamento forzato dentro casa, tuttavia, lo voglio intrepretarlo come un pretesto per recuperare quelle tante energie spese nelle nostre abitudini di vita. Un momento favorevole, pertanto, per riflettere di più sulla nostra esistenza e per interrogare la nostra anima! E questo isolamento, questa solitudine la interpreto come una grossa opportunità! Fare silenzio dentro e far parlare la nostra anima!

L’anima vuole comunicare ma è troppo scollata e sin troppo distante da noi! Essa è nascosta nelle profondità degli abissi ed è arduo individuarne il suo alloggio! Eppure, la individuiamo sempre nella nostra coscienza, quella linea di demarcazione, quel confine labile che separa le cose pure e impure; le azioni giuste e quelle ingiuste; le perfezioni e imperfezioni; le mancanze verso gli altri e/o verso noi stessi; nel sapersi assumere le proprie responsabilità o chiudersi nel limbo dell’ignavia, uno dei peggiori mali dell’uomo contemporaneo e di sempre. Negatività e positività….

Bene e Male! E in questi silenzi diurni o notturni dentro le nostre case, la propria stanza, nel nostro intimo è possibile o perlomeno tentare, fare un profondo discernimento della propria esistenza, le proprie abitudini, i vizi e le poche Virtù!. La nostra coscienza può e dovrebbe proiettare la sua vista verso un punto alto e profondo.

Ed è qui, forse, che potremmo scorgere metaforicamente un lunghissimo tunnel, forse, l’oblio che porta alla luce. Ecco, allora, andare verso quel sentiero credo, a parere personalissimo, sia la strada giusta! Un cammino, la nostra condotta etica e morale, l’altra professionale, la propria vita personale fatta di quotidianità, di progetti mai portati a termine, taluni interrotti, altri sul nascere.

Guardare meglio dentro noi stessi, su quanto sia utile o sia stato deleterio in passato, il comportamento delle nostre azioni, abitudini malsane, vizi, e se sia il caso di cambiare rotta per un radicale e profondo cambiamento! Spesso manchiamo di rispetto soprattutto a noi stessi.

L’ uomo è dotato di un cuore, intelligenza e buon senso! Spesso ci facciamo male con mancanze verso noi stessi e gli altri. Quanto tempo dedichiamo a noi stessi? Il tempo che è un tesoro, un’entità immateriale ma vissuta sulla nostra pelle e fugace esistenza.

Ecco, questo potrebbe essere un nuovo impegno a questa nuova primavera, se sarà consentito e se rispetteremo le regole per uscire e ritornare alla felice normalità. Il compito più arduo per il sottoscritto e per tutti noi! Non sprecare più il tempo che ci è stato concesso e donato! Questa pausa, pertanto, possa aiutarci a risollevarci per ricominciare un percorso personale e capirci meglio.

Parlare con la propria Anima è possibile, magari, non in modo diretto bensì attraverso una via periferica: il nostro subconscio, il nostro spirito, insomma la nostra non materia.

”Quando verrà la mia ora, avrò il tempo di riflettere e pensare alla vita che ho condotto! Riuscirò in tempo a fare il bilancio e capire finalmente quanto la mia esistenza sia stata un dono prezioso e se ho saputo viverla e valorizzarla davvero?”

Questo io penso e questo desideravo comunicarvi.

Franco Comparetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*