Ritorna l’estate Ficarazzese

Una delle sorprese positive dell’estate di quest’anno è certamente rappresentata dal ritorno, nel programma di manifestazioni estive, del nostro piccolo centro dell’Estate Ficarazzese, cioè di diverse manifestazioni e spettacoli estivi che consentono ai cittadini di Ficarazzi di svolgere il doppio ruolo sia di spettatore che di protagonista di ogni singolo evento.

L’ideatore di questo genere di iniziative “low cost” fù, alla fine degli anni ’80, l’allora assessore Salvatore Sgueglia che in un anno di carenze economiche per potere organizzare qualcosa di concreto durante i mesi estivi si rivolse a Radio Ficarazzi chiedendo se era possibile organizzare qualcosa per “salvare la stagione”.

[quote]Nacque negli anni ’80 con il sindaco Clemente e l’assessore Sgueglia[/quote]

Assieme a Dino Prestigiacomo si cominciò a programmare qualcosa di nuovo nel concetto di manifestazioni e l’idea di “utilizzare” il pubblico anche come protagonista risultò vincente.

     

Vorrei premettere che Ficarazzi nel corso degli anni ha sempre primeggiato nella pianificazione e realizzazione di iniziative innovative (consigli comunali trasmessi in diretta radiofonica, primo collegamento radiofonico su tutto il territorio nazionale) poi riprese e sviluppate da altri ed anche in questa circostanza l’invenzione di una serie di manifestazioni collegate tra di loro e realizzate con “quello che offriva” la piazza locale alla fine ebbe un successo notevole e fu “esportata” un po’ dappertutto.

Vorrei ricordare, a chi ha avuto la fortuna in quel periodo di essere presente, le esilaranti “corride” (con tanto di semaforo, applausometro con fischietti, trombette e coperchi di pentolacce) in Piazza Donizetti dove davanti a migliaia i spettatori “armati” di tutto si esibivano Enzo Martorana con “prisicolinsensianciuso” di Celentano e del quale nominava soltanto il titolo, Mike Scianna che tirava il giubbotto verso il pubblico e da questo “tirato” verso il palco, le esibizioni di altro livello canoro di Angela Martorana ed Ivana Comparetto e tutta una serie di personaggi locali tutti rigorosamente selezionati da un “applausometro” comandato a “distanza” da Orazio Criscenzo.

Le elezioni delle Miss comportavano una organizzazione capillare ed estremamente oculata, le mamme agguerrite delle concorrenti non permettevano nemmeno il minimo errore e quindi la massima attenzione a tutto ed a tutti ed alla fine, in tutte le edizioni che ci è stato consentito di realizzare, non abbiamo registrato nessuna lamentela o protesta. Non vanno dimenticate le “straficarazzi” l’ultima delle quali registrò la partecipazione di oltre 500 concorrenti sparpagliati per tutta la “canneta”.

Errore, il gruppo non esiste! Controlla la tua sintassi! (ID: 3)

Il “Ficarazzi Raid” con dieci squadre di giovani che misero sottosopra un intero paese alla ricerca di “tacchini, canotti, agende e gommoni” per chiudere una originale ed irripetibile “caccia al tesoro”. Il gioco delle pignatte in Piazza Padre Pio quando non era “negata” per motivi “religiosi” e le serate danzanti all’aperto prima nell’atrio della scuola elementare e poi in piazza Donizetti. Quest’anno torna l’estate ficarazzese con nuove generazioni chiamate a gestirla. Speriamo che almeno loro, rispetto a noi, troveranno amministratori più inclini all’interesse collettivo perché noi, giovanotti degli anni ‘ 80, con gli amministratori degli anni a seguire non siamo più riusciti a dare continuità a tutto quello che di buono, e gratuitamente, avevamo inventato sempre e comunque nel nome di Ficarazzi.

di Michele Manna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*