Download! EcosiciliaLeggi Ecosicilia in PDF

Sciopero degli operatori e scoppia polemica sulla tassa dei rifiuti.

Il 3 giugno, lunedi, gli operatori ecologici della Roma Costruzioni che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti a Ficarazzi incroceranno le braccia per protestare contro il mancato pagamento degli stipendi.

Gli operatori lamentano il fatto che negli ultimi mesi non hanno ricevuto lo stipendio e che la situazione economica per il futuro non sembra rosea.

Inoltre negli ultimi giorni il servizio di raccolta è andato a rilento per la mancanza di alcuni operatori assenti per malattia. 

La situazione della raccolta rifiuti ci sembra sull’orlo di una profondo crisi che trova le sue radici in diversi fattori. 

Certamente il primo fattore è la tassa dei rifiuti. A Ficarazzi non si hanno numeri certi, ma sembra che a non pagarla siano più della metà. Questo mette in crisi la liquidità dell’ente che non riesce ad onorare il pagamento delle fatture alla ditta aggiudicataria dell’appalto.

Perchè moltissimi non la pagano? probabilmente perchè ritengono troppo elevata la tassa e preferiscono destinare i soldi ad altro. Infatti mediamente la tassa si aggira dai 400 ai 700 euro per i privati e molto di più per i commercianti.

Anche se il Comune ha dilazionato i pagamenti in cinque rate durante l’anno la cifra rimane sempre molto alta.

Ovviamente pagare la tassa è un dovere per tutti, ma il servizio corrisponde ad una tassa cosi alta? Certamente no. In assoluto il servizio è scadente in molti campi e se siamo in una fase iniziale di raccolta differenziata la strada per un servizio decente ci sembra lontana. 

La tassa però è molto alta da una decina di anni a questa parte e, quindi, se ne deduce che i costi sostenuti non sono riusciti a garantire un servizio minimo. Ecco perchè in molti non pagano. 

Chi non paga ha il diritto di lamentarsi? specialmente nei social? Credo che se anche un solo cittadino pagasse la tassa il servizio dovrebbe essere garantito. Il servizio dovrebbe essere garantito anche se il 50% dei cittadini non paga. Sarà poi cura del Comune procedere alla riscossione delle somme. Se questo non avviene che legame ha con il servizio dei rifiuti?

La riscossione della tassa con la qualità del servizio non sono correlate. Lo diventano se la crisi profonda delle casse comunali è tale da aver bisogno di quelle somme subito per mantenere in vita il servizio.

Cioè il cittadino paga la tassa e subito questa viene girata alla’azienda del servizio. Altrimenti si va in crisi perchè il Comune non ha la possibilità di coprire i costi in attesa di rientrare dei soldi coattivamente.

A pagarne le spese sono i cittadini che non ricevono un servizio dignitoso e i dipendenti dell’azienda che non ricevono con puntualità gli stipendi. 

E’ il cane che si morde la coda. La tassa è troppo alta e molti non la pagano e si crea un vortice che inghiotte tutti.

Vedremo cosa succederà nei prossimi mesi. 

Foto di archivio

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*