Download! EcosiciliaLeggi Ecosicilia in PDF

TARI alle stelle, i cittadini protestano ed il sindaco spiega

sindaco conferenzaIl Sindaco Paolo Martorana ha ragione in un punto importante: siamo in Sicilia; se la mia casa fosse, come per magia, in un paesino veneto la TARI, a parità di condizioni familiari e di dimensioni dell’appartamento, sarebbe di 170 euro. A Ficarazzi aprendo la busta inviata dal comune, invece, è di 480 euro circa. Di chi è la colpa di tutto questo?

Secondo il Sindaco, in conferenza stampa, è l’immobilismo della Regione e del Presidente Crocetta a determinare un costo eccessivo del servizio di rifiuti. Le discariche in Sicilia sono poche, in mano ai privati e distano almeno 200 km da noi. La differenziata è allo zero assoluto e lo spazzamento latita in molte zone; il servizio di ingombranti non è pervenuto. Gli impianti regionali per lo stoccaggio dei rifiuti differenziati sono una chimera.

Quindi a fronte di una TARI alle stelle il servizio appare poco al di sopra della sufficienza e il paragone con i paesi vicini non può essere certo una consolazione quando si va a pagare.

Secondo i dati mostrati dal Sindaco in conferenza stampa il comune di Ficarazzi nel 2012 (il sindaco è stato eletto nel giugno 2012) il servizio dei rifiuti a Ficarazzi costava circa 2.100.000 euro che pesava nel bilancio comunale e non sulla TARSU per intero. Grazie al contenimento della spesa dell’amministrazione, nel 2013, ha portato la spesa a 1.960,000, risparmiando circa il 5%. (ricordiamo che nel maggio 2013 sono stati licenziati una decina di persone Ex Temporary che lavoravano a Ficarazzi). Nel 2014 si dovrebbe scendere ancora un po, ma l’incognita della discarica di Catania che costa tantissimo potrebbe alla fine annullare il risparmio.

Poiché il Governo nazionale, essendo noi tutti italiani, ha pensato bene di far pagare tutto il costo del servizio  ai cittadini del comune di appartenenza con la TARI, tenendo conto del principio che più si è, più si inquina. Il Comune non può mettere in bilancio somme per coprire il servizio, cosi come faceva per la TARSU e la frittata, allora, è stata fatta. Ficarazzi deve coprire per intero 2 milioni di euro con la TARI e questo ha portato il Consiglio Comunale alle scelte che tutti noi discutiamo.

——————————- Pubblicità ———————————-

——————————————————————————-

Il Sindaco  afferma che la colpa è da ricercare in chi ha creato il mostro Coinres e nella gestione felice e clientelare di un ente mangiasoldi; nella Regione Sicilia incapace d’affrontare il problema degli impianti e nell’immobilismo nel porre in essere una legislazione chiara e coerente che permetta ai sindaci di lavorare.

Questi due fattori hanno bloccato l’attività del sindaco Martorana nei suoi due anni e mezzo di mandato fino ad oggi? La differenziata non parte, lo spazzamento è al palo, i costi non si riescono a ridurre consistentemente ma solo del 5%, inviamo tutto nelle discariche private che ci costano un patrimonio ed è in corso la peggiore crisi economica mai vissuta dal dopoguerra con tantissimi capofamiglia che non lavorano.

Allora confermo quanto ho scritto in precedenza. Se una colpa si potrà mai dare al nostro sindaco, che stimo ed apprezzo, è quella di non aver fatto quello che è umanamente possibile per abbattere un sistema e risparmiare. Se avesse fin dal suo ingresso in comune lottato strenuamente per capovolgere il sistema i cittadini lo avrebbero apprezzato e, oggi, anche non essendo riuscito ad abbattere notevolmente  i costi lo avremmo tutti ringraziato.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*