Download! EcosiciliaLeggi Ecosicilia in PDF

Ultimi giorni di campagna elettorale. Domenica si vota.

.

Siamo giunti agli sgoccioli di questa campagna elettorale. Manca una settimana al voto e le urne alla fine stabiliranno chi sarà il nuovo sindaco di Ficarazzi ed i consiglieri comunali che siederanno negli scranni del Comune.

Alla carica di Sindaco ci sono tre sfidanti. Il sindaco uscente Avvocato Paolo Francesco Martorana che da cinque anni è il sindaco del paese. L’uscente sindaco si ricandida per continuare la sua legislatura e portare a termine quanto aveva cominciato. Per lui sarà la prova del nove. Un altro candidato è il dott. Pino Cannizzaro che il sindaco lo ha fatto per dieci anni di fila prima di Martorana e che si candida perchè negli ultimi anni ha ” assistito ad un immobilismo istituzionale”. L’ultimo candidato, ma non certo per importanza, è il prof. Pietro Rammacca, preside del liceo scientifico a Bagheria e che presenta una squadra di consiglieri che sono nuovi alla vita politica ficarazzese. Il prof Rammacca è stato anche lui sindaco di Ficarazzi.

Quindi possiamo dire che chiunque vinca le elezioni sarà certamente in grado di governare l’istituzione locale in modo proficuo per la cittadinanza. Hanno tutti la capacità e la voglia di dare a Ficarazzi un futuro amministratore di ottimo livello. 

Difficile, quindi, fare previsioni pre elettorali e stabilire a priori chi vinca. Se lo facessimo vi prenderemmo in giro. Forse un pò in svantaggio, secondo me,  potrebbe esserci la squadra di Rammacca per la sua composizione di novizi, ma solo le urne potranno mettere la parola fine e dare i numeri certi di queste elezioni.

Magari il fatto di essere stati fuori dai giochi politici negli ultimi quindici anni potrebbe rilevarsi l’arma vincente e catturare consensi. Oppure il fatto che il candidato sindaco Rammacca abbia dichiarato nel programma che rinuncerà per il quinquennio al suo stipendio di Sindaco in caso di vittoria per destinare le somme al sociale potrebbe far pendere l’ago della bilancia a suo favore, chissà.

Comunque vada il confronto è serrato. In diversi punti del paese ci sono stati incontri e comizi, presentazioni e letture di programma ed il confronto in alcuni punti è stato forte. E non abbiamo ancora finito, manca il rash finale per poi mettere la parola fine venerdi a mezzanotte.

Difficile non cadere nella tentazione di leggere quello che è successo negli ultimi quindici anni. Un rimpallo di accuse tra i due candidati che sono stati  i sindaci in questo periodo. 

Forse per i cittadini sarebbe stato più interessante ascoltare il programma per il futuro e non le accuse del passato. Si corre il rischio di fare passare un messaggio errato delle elezioni. Si potrebbe scadere nello spettacolo e non nella fase politica di intercettare il voto a proprio favore. 

Si corre il serio rischio di allontanare dalle urne chi voleva votare. Guardando le liste ed i candidati sono tutti in grado di essere sindaco e consigliere. Per questo facciamo gli auguri a tutti nella sicurezza che chiunque esca vincitore il 12 giugno saprà ben amministrare per i prossimi cinque anni.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*